Bari, le strade si rifanno il look: arrivano quattro rotatorie e un sottopasso ciclo-pedonale

Protocollo d’intesa tra Comune, Fal e Regione: investimento da 18 milioni

Mercoledì 20 Ottobre 2021 di Elga MONTANI

Bari cambia volto. E per farlo ha avviato una collaborazione con Ferrovie Appulo Lucane che porterà alla realizzazione di quattro rotatorie, alla costruzione di un sottopasso ciclo-pedonale e alla creazione di 2,6 chilometri di percorso ciclabile. Il tutto partendo dalla soppressione del passaggio a livello di via delle Murge.

Il progetto e i costi

Il progetto “Strade Nuove” verrà realizzato grazie ad un protocollo d’intesa sottoscritto dalle FAL con Regione Puglia e Comune di Bari, che prevede un investimento pari a 18 milioni di euro: «Quasi la metà dei soldi che un comune spende di risorse proprie in un bilancio», sottolinea il sindaco Decaro. Tempi di realizzazione due anni a partire da adesso, seguendo un cronoprogramma molto ferreo che FAL e il Comune hanno simbolicamente condiviso. 


«Si tratta di un’opera molto importante, dobbiamo ringraziare le Ferrovie Appulo Lucane, e la Regione Puglia per i finanziamenti – sottolinea il sindaco di Bari, Antonio Decaro - Perdiamo un attraversamento viario, ma recuperiamo molto altro in opere complementari. Migliorerà sicuramente il traffico in quella zona, e verranno messe in sicurezza le intersezioni grazie alle rotatorie, che eliminano punti di conflitto ed evitano incidenti».

Numerose le opere pubbliche che verranno realizzate e che avranno un impatto positivo sulla viabilità, sul traffico, sull’ambiente, sulla vivibilità della zona meridionale di Bari e, in particolare, dei quartieri Picone e Poggiofranco, a partire dal cosiddetto “Quartierino”.

Si partirà proprio dal Quartierino con l’eliminazione del passaggio a livello di via Delle Murge, nell’ambito del progetto di raddoppio della tratta ferroviaria Bari Policlinico – Bari S. Andrea. Al suo posto verrà realizzato un sottopasso ciclopedonale che farà parte di nove interventi di FAL, e uno del Comune, di viabilità compensativa. Obiettivo decongestionare il traffico, tramite le rotatorie, facilitare i collegamenti tra i quartieri interessati, migliorare la qualità della vita dei cittadini. «Un progetto che è una rivoluzione – sottolinea l’assessore regionale Maurodinoia - fortemente voluto dalla Regione Puglia, che ha voluto la viabilità compensativa che verrà realizzata per collegare Picone e Poggiofranco, partendo dal Quartierino. Sono interventi che, grazie anche alla realizzazione di una tratta ciclopedonale, incentiveranno l’utilizzo di mezzi di mobilità sostenibile».

Le quattro nuove rotatorie sono previste all’intersezione di via Tatarella; tra via Mazzitelli, viale Cotugno e via Generale Bellomo; tra viale Pasteur, viale Solarino e via delle Murge; tra via Matarrese e viale Escrivà. La timeline condivisa prevede che la realizzazione della prima rotatoria in via Tatarella, i cui lavori sono iniziati a settembre 2021, termini a gennaio 2023. La timeline prevede che i lavori della viabilità di raccordo tra via Tatarella e via Matarrese dovrebbero concludersi a settembre 2022, mentre dovrebbe terminare per novembre 2022 la realizzazione della rotatoria di via Mazzitelli, via Cotugno, via Bellomo, l’anello di circolazione viale Solarino/viale Cotugno e la riorganizzazione ingressi/uscite del Polipark. 


La rotatoria di viale Pasteur, via Solarino e via Delle Murge, i cui lavori dovrebbero partire a febbraio 2023, dovrebbe essere finita per giugno 2023, mentre il sottopasso ciclopedonale sarà pronto a settembre 2023, quando termineranno anche i lavori di soppressione del passaggio a livello. Il cantiere della rotatoria di via Matarrese e viale Escrivà dovrebbero partire a novembre 2022 e concludersi ad agosto 2023. Infine, il raddoppio ferroviario Bari Policlinico – Bari S. Andrea, i cui lavori sono in corso, termineranno nel dicembre 2023. «La nostra mission – dichiara il presidente di Ferrovie Appulo Lucane, Rosario Almiento - è quella di coniugare sicurezza ferroviaria e sicurezza della viabilità. Questo progetto ci permette di concretizzare questo aspetto con un finanziamento importante. Riusciremo in tempi strettissimi a riqualificare un’area che così andrà a migliorare la qualità della vita dei cittadini». Il progetto, in un’ottica di condivisione, resterà in mostra fino a domenica nei locali Fal di Corso Italia 30, ogni giorno dalle 16 alle 21.
© RIPRODUZIONE RISERVATA - SEPA

© RIPRODUZIONE RISERVATA