Bari si colora per il Pride: attesi in centinaia. Il percorso e il piano traffico

Bari si colora per il Pride: attesi in centinaia. Il percorso e il piano traffico
di Elga MONTANI
4 Minuti di Lettura
Sabato 2 Luglio 2022, 05:00 - Ultimo aggiornamento: 21:14

Dopo tre anni, la marea arcobaleno del Bari Pride tornerà ad animare la città di Bari. Questo pomeriggio, a partire «17.30, il serpentone colorato partirà da piazza Umberto per arrivare, dopo aver lambito il territorio del quartiere Libertà, sul lungomare, per fermarsi in largo Giannella. L’intero certo cittadino sarà quindi attraversato dalla parata colorata e dalle misure di sicurezza per garantire al meglio la marcia del corteo, assieme alle forze di polizia. Il Comune, che con apposita ordinanza ha garantito il patrocinio alla manifestazione, proprio in quest’ottica ha anche predisposto divieti e limitazioni al traffico.

Le limitazioni

A partire dalle 18 di oggi pomeriggio, infatti, e relativamente al passaggio della parata, è in vigore il divieto di transito sul seguente percorso; piazza Umberto, via Nicolai, via De Rossi, via Piccinni, largo Nitti Valentini, piazza Garibaldi, corso Vittorio Emanuele II, piazzale IV Novembre, lungomare Araldo di Crollalanza, largo Giannella. Per lo stesso motivo, i bus Amtab delle linee 2, 2/, 10, 12, 14, 42, navetta “B” e “AB” effettueranno alcune variazioni di percorso, dalle 19 alle 23, e comunque sino al termine delle esigenze. Polizia e carabinieri, assieme alla polizia locale, presidieranno le zne del percorso. «Portiamo in piazza le nostre voci, contro un blocco di odio che ci vorrebbe in silenzio e ai margini. Alla vergogna degli applausi per l’affossamento del DDL Zan di ottobre, vogliamo che si risponda in un solo modo: con l’approvazione, integrale, della legge regionale contro l’omo-lesbo-bi-transfobia», sottolinea Asia Iurlo, portavoce del Bari Pride.

In piazza per difendere i diritti

«Quando parliamo di diritti LGBTQIA+ - aggiunge Leoluca Armigero, portavoce Bari Pride - parliamo di elementi concreti che incidono nella vita di tante e tanti. Ad oggi le persone Trans, per effetto di una legge obsoleta nonché per i tanti pregiudizi che insistono nella società, hanno enormi difficoltà ad autodeterminarsi e vedere realmente affermati i propri diritti». D’altronde, i motivi per scendere in piazza sono ancora molti, considerando che in Italia, in Europa e nel Mondo «le libertà e i diritti LGBTQIA+ non sono scontati, ed esistono ancora profonde disuguaglianze, violenze e marginalizzazioni». Diversi, solo nelle ultime settimane, i fatti di cronaca che hanno segnato le parate del Pride. A Oslo un attentatore ha aperto il fuoco durante una festa che precedeva il Pride, uccidendo 2 persone e ferendone 21, mentre a Istanbul il corteo Pride è stato violentemente represso dalla polizia.

A Bari l’augurio è che la manifestazione sia solo una festa, oltre che un momento per riflettere, e in cui verrà portato all’attenzione dei media e dell’opinione pubblica il testo della legge che ci si augura verrà discussa in consiglio regionale. Un testo «che parla di come poter tutelare i diritti oggi in Puglia: lavoro, welfare, salute, e poi il contrasto alle discriminazioni e la formazione sul benessere sessuale nelle scuole». Alla parata hanno aderito anche le organizzazioni studentesche di Bari e del territorio «rivendicando il ruolo della formazione e della cultura come perno di una società inclusiva. I luoghi della formazione devono essere centrali nel garantire la piena autodeterminazione di tutti». Durante l’evento di oggi pomeriggio, inoltre, sarà presente l’unità di strada “Care for People”, servizio finanziato dall’assessorato comunale al Welfare. Per l’occasione, gli operatori saranno in largo Giannella dalle ore 20 alle ore 22, in coda alla parata, insieme ai volontari dell’associazione Cama Lila Bari, e provvederanno ad effettuare test Hiv salivari a risposta rapida all’interno del camper in favore di chiunque sia interessato. Il test, gratuito, sarà eseguito da counselors esperti, in grado di fornire le informazioni necessarie sul virus e sulle procedure da seguire in caso esito positivo del test. La somministrazione dei test avverrà nel pieno rispetto della privacy e dell’anonimato. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA-SEPA

© RIPRODUZIONE RISERVATA