Bari, la nuova piazza Umberto: entro un anno sarà cantiere

Bari, la nuova piazza Umberto: entro un anno sarà cantiere
di Elga MONTANI
4 Minuti di Lettura
Domenica 12 Settembre 2021, 08:21 - Ultimo aggiornamento: 11:06

La nuova piazza Umberto a Bari sta per diventare realtà. Se tutto andrà come previsto il cantiere potrebbe partire all’inizio del 2022. Al momento, i progettisti sono al lavoro per stilare il progetto preliminare, dopo un incontro tra amministrazione comunale e responsabili della Soprintendenza dei Beni architettonici e paesaggistici. Successivamente, ci sarà un nuovo incontro con la Soprintendenza, a cui saranno sottoposti ulteriori dettagli del progetto, che a sua volta recepisce molti aspetti condivisi con i cittadini. 

I dettagli

 

A grandi linee il progetto, curato dall’ingegner Maurizio Franco e dall’architetto Alberto Iacovoni, prevede prima di tutto l’asportazione totale dell’asfalto su tutti i viali interni. Al suo posto verrà posizionata una pavimentazione con elevata capacità drenante, pari quasi al 100% di permeabilità dell’intera area. Questo tipo di pavimentazione è già stata utilizzata in altri giardini storici cittadini oggetto di restauro, come i giardini di Isabella D’Aragona. Inoltre, è prevista una trasformazione importante della sede stradale sul lato di piazza Umberto, in prosecuzione di via Argiro andando ad occupare parte della sede stradale, per andare incontro ai bisogni dei pedoni, oltre a favorire le abitazioni e le attività commerciali presenti. Nel progetto, inoltre, verrà completamente ripensata la zona “servizi”, i quali saranno inglobati in un nuovo manufatto che conterrà anche la predisposizione di un locale da adibire alla somministrazione di cibo e bevande. Il nuovo blocco, che sarà sviluppato con soluzioni architettoniche innovative e contestualizzate con il giardino storico ed andrà a ricomprendere anche la palazzina “Goccia del latte”, sarà orientato verso l’area ludica, che verrà riqualificata e ampliata. Nuova vita anche per le sedute presenti nella piazza, per le quali è stato individuato uno stampo riconducibile ad un modello di seduta storica con schienale, realizzata in legno e ghisa. Prevista un’illuminazione che rispetti i tratti storici di piazza Umberto e le varie fasi di trasformazione vissute nel tempo. Il progetto così concepito nasce anche grazie alla condivisione di intenti con i comitati cittadini ed un processo partecipativo iniziato a marzo dello scorso anno, dopo che la riqualificazione era rimasta bloccata per anni a causa di alcuni ricorsi.  Al punto che nell’ottobre del 2019, il sindaco Antonio Decaro decise di dichiarare via social tutto il suo disappunto sottolineando che: «Nessuno vuole negare a nessuno il diritto di ricorrere, ma è legittimo da parte di una amministrazione e di una città, una volta esaurite le fasi ordinarie dei giudizi, chiedere che chi ha perso consenta al Comune di procedere con la riqualificazione di una delle piazza più importanti e belle di Bari che attende ormai da troppi anni di tornare a splendere come un tempo. Ci chiediamo, fino a che punto il diritto di ‘uno’ deve tener sospeso il diritto di tutti i cittadini a vedere migliorato uno spazio pubblico?». 

Per fortuna, anche in occasione di questo ricorso, il Comune ebbe la meglio, con una sentenza a favore dell’amministrazione nel giugno del 2020. Intanto, come dicevamo, si era messo in atto un percorso partecipato per comprendere cosa fosse meglio per piazza Umberto, sia da un punto di vista architettonico/storico (la piazza è un bene vincolato dalla Soprintendenza), sia per chi la piazza la vive ogni giorno: gli abitanti, i negozianti ed i baresi. Il percorso di progettazione è stato complesso e articolato ed ha portato a una sintesi fra le numerose istanze di tutela, valorizzazione, ridefinizione degli usi e riconfigurazione degli spazi, arrivando infine ad una nuova visione della piazza e dei giardini a 150 anni dal primo progetto. «Contiamo entro la fine dell’anno di approvare tutti i livelli di progettazione, così da arrivare nei primi mesi del prossimo anno pronti per la gara d’appalto e il cantiere», sottolinea l’assessore ai lavori pubblici Giuseppe Galasso. «Piazza Umberto rappresenta il cuore e la storia di Bari, oltre ad avere un ruolo strategico di collegamento tra la nuova stazione, l’Università e il quartiere commerciale per eccellenza».

© RIPRODUZIONE RISERVATA