Bari, lavorare viaggiando con il progetto "Smart Walking" di Davide Fiz: 2500 chilometri in otto mesi

Bari, lavorare viaggiando con il progetto "Smart Walking" di Davide Fiz: 2500 chilometri in otto mesi
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 9 Marzo 2022, 08:48 - Ultimo aggiornamento: 08:53

Parte oggi da Bari l'impresa di Davide Fiz, smart worker che ha voluto trasformare una modalità di lavoro scoperta in Italia con la pandemia di Covid in un modello di vita inedito, in cui il lavoro non sia più nemico del vivere, del rincorrere i propri desideri, del fare attività fisica ed emozionarsi.

Il suo piano non è quello di raggiungere vette inviolate o fare esperienze estreme, ma percorrere 20 Cammini in altrettante regioni d'Italia. Mezza giornata di cammino e mezza di lavoro, portandosi dietro gli strumenti del mestiere, il pc e sfruttando la connettività ormai disponibile quasi ovunque. Il tutto alla ricerca - spiega - di «una quotidianità fatta di equilibrio, responsabilità, piacere, senza dover per forza "mollare tutto"».

Il progetto "Smart Walking"

È nato così il progetto Smart Walking di Davide, commerciale freelance, classe 1976, viaggiatore dal 1998 e smart worker da oltre 11 anni. Da oggi a ottobre 2022, percorrerà 2.500 chilometri in 8 mesi dividendo le sue giornate tra trekking, lavoro online e racconti volti a valorizzare non solo la sua esperienza, ma anche le bellezze d'Italia. Tra gli obiettivi anche quello di far superare la diffidenza da parte di molte aziende per questo modello di lavoro, non un semplice tele-lavoro o lavoro da remoto che ripropone le modalità e i tempi di ufficio ma, precisa, basato sulla progettualità e il raggiungimento dei risultati, lasciando al lavoratore l'organizzazione del suo spazio e tempo.

La partenza da Matera non è casuale: «Questa città porta in sé un importante senso di rinascita e di riscatto - ricorda Davide - la voglia di rimettersi in gioco attraverso un gesto tanto arcaico quanto naturale: camminare verso il proprio futuro, un futuro sostenibile e di riscoperta del valore intrinseco nei territori».

Dalle Alpi Apuane, a Santiago di Compostela, dall'Abruzzo al Kurdistan, Davide, genovese cresciuto in Toscana con una parentesi in Sicilia, viaggia a piedi da più di 20 anni. Ora la sua passione diventa un tutt'uno con il lavoro. Dopo il Cammino Materano seguirà quello del Salento e quello del Negro in Campania. In aprile la Sardegna, poi Umbria, Lazio, Marche, Molise per proseguire in estate nel Nord Italia fino al Friuli. I mesi di settembre e ottobre saranno dedicati a Sicilia e Calabria. Chi volesse accompagnarlo per qualche tratto può contattarlo sul suo blog o sui social, dove racconterà di giorno in giorno il suo quotidiano, con l'invidia dei molti inchiodati alle scrivanie.

© RIPRODUZIONE RISERVATA