Bari, evasione fiscale e riciclaggio: condannato medico

Il neurologo Vito Covelli
Il neurologo Vito Covelli
2 Minuti di Lettura
Giovedì 31 Marzo 2022, 19:30

Tre anni di reclusione per presunta evasione fiscale. Il Tribunale di Bari ha condannato alla pena di 3 anni di reclusione il neurologo Vito Covelli e alla stessa pena il padre Michele, imputati per una presunta evasione fiscale da circa 700mila euro commessa dal medico, i cui proventi sarebbero stati riciclati con la complicità del padre. I giudici hanno escluso la responsabilità della Banca popolare di Bari, co-imputata, «perché l'illecito amministrativo contestato - secondo il Tribunale - non sussiste» e ha assolto anche altri due imputati: il commercialista barese Fabio Quaranta e Angela Saponaro, ex direttrice di filiale della Banca Popolare di Bari, che erano ritenuti dalla Procura di Bari complici delle attività di riciclaggio.

Banca Popolare di Bari: al processo patteggiata sanzione da 240mila euro

Gli imputati rispondevano, a vario titolo, di riciclaggio e dichiarazione infedele dei redditi risalenti agli anni 2007-2014, in parte dichiarati prescritti. Nei confronti della banca, che nel processo si era anche costituita parte civile, è stata inoltre rigettata la richiesta di risarcimento dei danni.

Condannato nel processo “Sesso&Favori”: medico Asl sospeso dal servizio. L'accusa della Procura: «A capo del comitato d'affari, insieme al pm Arnesano»

© RIPRODUZIONE RISERVATA