Centro, primo assalto per i regali e rischio assembramento. Ma c'è il piano traffico

Domenica 5 Dicembre 2021 di Valeria BELVISO

Bollino rosso per il primo weekend pre natalizio a Bari. Dopo le prove generali della scorsa settimana, con il centro e gli accessi ai centri commerciali paralizzati dal traffico in occasione del black friday, la città è pronta a fare il bis. E così tra una passeggiata alla ricerca dei primi regali da far trovare sotto l'albero, una sbirciatina agli allestimenti natalizi e un aperitivo in uno dei tanti locali del centro, già nel primo pomeriggio di ieri le strade dello shopping hanno fatto registrare il tutto esaurito, soprattutto in via Sparano e via Argiro. Non sono mancati ovviamente disagi alla viabilità e rallentamenti per raggiungere il Murattiano e l'Umbertino, con il traffico in tilt anche a causa dell'annoso vizietto barese delle auto in doppia fila.

Il piano traffico per Natale


Quello di ieri però sembra essere solo un assaggio di ciò che accadrà già da oggi, complici le aperture domenicali dei negozi e l'inaugurazione dei mercatini di Natale e del grande albero in piazza del Ferrarese, in programma domani. Il Comune è già corso ai ripari potenziando il servizio dei park&ride cittadini che, da oggi e fino al 6 gennaio, saranno operativi anche di domenica e nei giorni festivi: la prima corsa partirà alle 8 del mattino, l'ultima invece varierà fra le 22:40 della navetta B e le 23:40 della navetta C del Parco 2 Giugno. In questo modo l'amministrazione spera di alleggerire il traffico verso il centro, invitando i cittadini a spostarsi scegliendo «il modo più sostenibile, comodo, economico e veloce per godersi una passeggiata in centro con la famiglia o con gli amici».


E chi sperava che questo sarebbe potuto essere un Natale post pandemico e senza restrizioni, dovrà fare ancora i conti con il rialzo dei contagi e le limitazioni necessarie per il contenimento dei contagi da Covid19. L'utilizzo della mascherina all'aperto, quando non è garantito il distanziamento, è ancora obbligatorio ma in alcune zone della città è una norma che, a tratti, sembra quasi essere stata dimenticata. Già nelle scorse settimane il problema era stato sollevato dai residenti del quartiere Umbertino che hanno più volte segnalato gli assembramenti nei pressi dei locali della movida, dove la maggior parte delle persone passava la propria serata senza mascherina. Lo stesso problema è sorto anche in questo periodo pre natalizie e il timore è che possa peggiorare. Nella giornata di ieri fra qualche coda fuori dai negozi e assembramenti nelle strade del quadrilatero murattiano, sotto il tappeto aereo di luci che addobba via Sparano e via Argiro, non tutti hanno rispettato l'obbligo di utilizzo di mascherina all'aperto nonostante gli appelli delle Istituzioni e dei virologi. L'amministrazione comunale nel frattempo si prepara a inaugurare il Natale a Bari, proprio nel rispetto delle norme Covid. Il ponte dell'Immacolata si preannuncia ricco di novità.
Domani verranno inaugurati il grande albero di Natale in piazza del Ferrarese, il giardino incantato a cura di Amgas e i mercatini sulla Muraglia, mentre il giorno dell'Immacolata aprirà al pubblico di grandi e piccini il Villaggio di Santa Claus in piazza Umberto: tutto, però, senza eventi spettacolari per evitare assembramenti incontrollati. Anche gli eventi liturgici in occasione di San Nicola, per il secondo anno, saranno contingentati e la gara podistica nicolaiana quest'anno anziché arrivare davanti alla Basilica, si fermerà sulla Muraglia. L'allerta quindi resta massima, per un Natale che possa essere il più possibile vicino a una ritrovata normalità.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA