Biciplan, strada per i tir e stazione degli autobus. Vertice a Roma: sul tavolo i temi della mobilità sostenibile

Mercoledì 26 Gennaio 2022 di Elga MONTANI
L'incontro a Roma tra il sindaco Antonio Decaro e il ministro Enrico Giovannini

Un incontro al Ministero delle Infrastrutture e delle Mobilità Sostenibili per fare il punto sui progetti che dovranno essere realizzati a Bari e nell'area della Città Metropolitana. È quello che ha visto protagonista nella giornata di lunedì 24 gennaio il sindaco di Bari (nonché sindaco della Città Metropolitana di Bari) Antonio Decaro, accompagnato dal vicesindaco della Città Metropolitana e sindaco di Bitonto, Michele Abbaticchio, e il ministro Enrico Giovannini. Il tavolo si è tenuto a Roma, nella sede del ministero. Con loro anche gli amministratori delegati di Anas e di Rfi. Tutti insieme hanno fatto il punto su una serie di progetti strategici relativi al sistema di mobilità della città di Bari e dell'area metropolitana oggetto di finanziamento Pnrr.

I progetti sul tavolo romano

Tra i progetti che riguardano l'area metropolitana, e non solo il territorio di Bari, si è discusso dell'allargamento della Ss172, del progetto relativo alla variante della Ss16, delle ciclovie dell'acquedotto e adriatica, della riqualificazione delle stazioni dell'area metropolitana e del biciplan.

Dal casello della A14 al porto senza passare dalle zone abitate della città. Ecco come sarà la camionale: il progetto

L'allargamento della strada statale 172, ovvero la cosiddetta Statale dei Trulli riguarda la costruzione del tronco Casamassima Putignano. L'intervento dovrebbe garantire un miglioramento dell'accessibilità verso gli ambiti paesaggistici e i distretti industriali del centro Puglia.

Piste ciclabili, 5 milioni dal Pnrr per collegare il centro della città con gli atenei. I progetti

La variante della Ss16, invece, che interessa il tratto compreso tra Bari-Mungivacca e Mola di Bari, è attualmente nella fase di dibattito pubblico. E, come si legge nel documento dell'Anas in merito, il progetto nasce come risposta a molteplici esigenze, alcune strettamente trasportistiche come migliorare il livello di servizio della rete, decongestionare il traffico cittadino, abbassare i livelli di incidentalità stradale, mentre altre sono di natura ambientale o socioeconomica e sono: rispettare la vocazione e la morfologia dei luoghi; preservare le risorse naturali non rinnovabili; controllare e prevenire l'inquinamento cittadino e infine migliorare le condizioni di vita in città.

Lecce, una pista ciclabile per collegare Ecotekne al centro della città. Arrivano 4 milioni di euro dal Pnrr

Il progetto biciplan

Ambizioso anche il progetto del biciplan metropolitano, che prevede una rete di percorsi ciclabili di oltre 400 chilometri che si sviluppa in ambito urbano ed extraurbano e comprende itinerari che si snodano nei territori di tutti i comuni, creando interconnessioni sostenibili tra il sistema delle coste e quello murgiano.
Durante l'incontro, si sono analizzati anche alcuni progetti che sono in fase di cantierizzazioni, tra i quali ricordiamo il terminal bus che dovrebbe sorgere a ridosso di via Capruzzi e, salvo imprevisti, essere realizzato entro il 2024. Un progetto chiesto da anni dalla città di Bari che permetterà di decongestionare l'extramurale spostando i bus che oggi sono costretti a fermarsi lungo la carreggiata nel terminal che verrà realizzato in un'area ferroviaria dismessa nei pressi della stessa via. Per non parlare delle modifiche della linea Bari-Bitritto, opera attesa da anni, o del nodo ferroviario a sud della città, dello scalo Lamasinata e della soppressione dei passaggi a livello, interventi questi ultimi che riguarderanno non solo Bari, ma diversi comuni dell'area metropolitana.

Ex Fibronit e Via Manzoni: finanziamento da 20 milioni col Pnrr

«Ho accompagnato il sindaco metropolitano Antonio Decaro nel suo incontro con il ministro delle Infrastrutture e Mobilità Sostenibile, Giovannini sottolinea Abbaticchio - L'incontro ha permesso di ottenere tutti i finanziamenti necessari per attuare il biciplan metropolitano e tante infrastrutture stradali che consentiranno ai mezzi pesanti (tir, camion, etc) di separare i loro itinerari dalle strade che percorriamo con le nostre auto, abbattendo il numero degli incidenti e aumentando la velocità dei trasporti di tutta l'area metropolitana. Confermato il finanziamento per la realizzazione del secondo casello autostradale di Bitonto, al servizio dello sviluppo della ex statale 98 e della nuova arteria stradale che la collegherà con l'attuale autostrada». Si è parlato anche, infatti, di progetti per i quali è stato condiviso lo stato di avanzamento della progettazione o delle procedure di gara. Tra questi spicca la camionale che, esattamente come il terminal bus, è attesa da anni dalla città di Bari e non solo. Dal Comune sottolineano: «È molto importante aver verificato lo stato di attuazione dei progetti, per verificare ulteriori fonti di finanziamento e avere le tempistiche relative alle progettazioni e ai cantieri in corso».
© RIPRODUZIONE RISERVATA - SEPA

Ultimo aggiornamento: 07:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA