Aggressione omofoba, scatta il daspo per tre minori

Aggressione omofoba, scatta il daspo per tre minori
3 Minuti di Lettura
Venerdì 12 Agosto 2022, 11:44 - Ultimo aggiornamento: 11:46

Aggressione omofoba, scatta il daspo per tre minori. Per sei mesi non potranno frequentare i locali della città.

La decisione del Questore

Il provvedimento del daspo urbano è stato disposto nei confronti di tre minorenni baresi, ritenuti tra i responsabili della presunta aggressione omofoba commessa il 3 luglio scorso nel Parco Rossani di Bari. Una coppia di persone, una ragazza 23enne di Foggia e un ragazzo 19enne di Pescara, fu insultata e ferita con lancio di sigarette accese e infine uno dei due colpito alla testa con una pietra.

Il questore di Bari ha disposto il «dacur» per tre minorenni i quali per sei mesi, dalle 20 alle 3, non potranno accedere agli esercizi pubblici e ai locali di pubblico trattenimento del quartiere Carrassi di Bari.

Cosa prevede il provvedimento

Il provvedimento è in vigore già dal 9 agosto scorso, e avrà durata sei mesi durante i quali i tre minorenni - dalle 20 alle 3 - non potranno accedere agli esercizi pubblici ed ai locali di pubblico trattenimento del quartiere Carrassi di Bari, nel perimetro compreso tra via Benedetto Croce, via Capruzzi, via Giulio Petroni e via Papa Giovanni XXIII, compreso il Parco Rossani, e non potranno stazionare nelle immediate vicinanze dei medesimi esercizi pubblici e locali di pubblico trattenimento.

I provvedimenti amministrativi, che hanno natura di tutela preventiva, sono stati possibili grazie alla tempestiva attività d’indagine dei poliziotti del Commissariato di P.S. Bari Nuova Carrassi in occasione dell’episodio di aggressione avvenuto il 3 luglio, all’interno del Parco Rossani, nei confronti di un ragazzo ed una ragazza. Nella circostanza le vittime furono costrette a ricorrere alle cure dei sanitari del 118 avendo riportato delle lesioni. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA