Estate da record per gli aeroporti: a Bari 184mila passeggeri in 8 giorni

Estate da record per gli aeroporti: a Bari 184mila passeggeri in 8 giorni
di Beppe STALLONE
4 Minuti di Lettura
Sabato 13 Agosto 2022, 05:00

È un’estate da record e non solo per le alte temperature. I bilanci definitivi e certificati sul turismo in Puglia si faranno a fine stagione estiva ma ci sono dati sul traffico passeggeri che evidenziano un’impennata rispetto non solo agli anni più bui della pandemia, 2020 e 2021, ma rispetto allo stesso 2019, anno record per la Puglia sul fronte turismo. Le cifre relative al porto di Bari e agli arrivi di traghetti e navi da crociera sono state già evidenziate su queste colonne, le performance dell’aeroporto Karol Wojtyla non sono da meno. Si registrano volumi crescenti di traffico passeggeri sia in arrivo che in partenza. 
In cifre, partendo dai dati più recenti e cioè i primi 8 giorni di agosto. A Bari i passeggeri dal 1 all’8 agosto sono stati 184.773, rispetto ai 150.514 dello stesso periodo del 2019, registrando quindi un +22,7%. La linea nazionale cresce del +32,5% (81.694 passeggeri rispetto a 61.658), quella internazionale del +19,8% (99.527 pax rispetto a 83.072). Ottima performance anche per l’aeroporto di Brindisi: 100.793 passeggeri, +31,7% rispetto ai 76.516 dello stesso periodo 2019. Dato complessivo per Bari e Brindisi sempre nei primi 8 giorni di agosto del 2022 è pari a 285.566 passeggeri, +25,8% rispetto ai 227.030 dello stesso periodo 2019. La linea nazionale cresce del +33,8% (148.029 pax rispetto a 110.631), quella internazionale del +22,4% (133.553 pax rispetto a 109.130).
Per chi ha parlato di flessioni nel settore turistico nel mese di luglio, queste non riguardano certo il traffico passeggeri che ha interessato gli aeroporti pugliesi. A luglio per il Wojtyla i passeggeri sono stati 697.375 rispetto ai 591.298 del 2019 (+17,8%). Bari e Brindisi complessivamente per luglio oltre 1 milione (1.082.225) rispetto agli 899.169 del 2019 (+20,4%). Sul medio periodo cioè da gennaio a luglio 2022 la tendenza non cambia, tenendo presente il picco della pandemia, che si è avuto nei primi mesi dell’anno e l’oggettiva diminuzione dei voli negli stessi mesi. La grande ripresa è iniziata ad aprile. Comunque da gennaio a luglio i passeggeri in arrivo o in partenza dall’aeroporto di Bari sono stati 3.374.334, rispetto ai 3.095.761 dell’identico periodo del 2019, registrando un +9%.

Il dato: +220% sul 2021

Se questo dato, solo per curiosità, lo confrontiamo con quello del 2021 si arriva a un +220%, ma si tratta di periodo pandemico. Il dato complessivo dei maggiori aeroporti di Puglia, Bari e Brindisi, sempre dall’inizio di quest’anno a luglio supera i 5 milioni di passeggeri (5.074.394) equamente divisi fra arrivi e partenze, che rispetto ai 4.603.717 del 2019, significano un +10,2%. Sempre nello stesso arco di tempo preso in considerazione si registra un traffico nazionale pari al 15,5% e internazionale del 3%, ma se vediamo il dato di luglio l’impennata anche dei voli internazionali è evidente, si passa infatti a un +14,5% e per quelli nazionali a luglio +25%. 
Cifre che forniscono un quadro esplicito sull’andamento del turismo incoming e outgoing pugliese. Un trend assolutamente in crescita è che ha già battuto i dati del 2019 e ovviamente superato alla grande quelli del 2021. Basti pensare che in tutto il 2021 sono stati 3 milioni e 280mila i passeggeri giunti a Bari o partiti, e dall’inizio del 2022 a oggi siamo a oltre 3 milioni e mezzo. Le cause del ritorno ai grandi numeri sono da far risalire certamente alla fine della pandemia e alla ripresa di tante rotte internazionali, ma anche ad un’offerta di Aeroporti di Puglia sempre più ricca. Per esempio ci sono dei voli charter della Iberia che dalla Spagna portano i turisti a Bari che poi si imbarcheranno dal porto di Bari per andare in crociera (in genere sul Mediterraneo orientale e isole greche). Poi ci sono voli diretti per Belgrado, Berlino e Billund, città della Danimarca famosa per essere il luogo di nascita dei mattoncini Lego. Da Brindisi voli per Stoccolma a testimoniare l’interesse per il mercato scandinavo sempre più interessato alla Puglia. Ma quest’anno sono soprattutto francesi e tedeschi i più numerosi nella nostra regione, seguono spagnoli, inglesi, olandesi e polacchi. E’ andata molto bene la rotta Bari-Dubai interrotta a giugno, ma potrebbe riprendere in autunno. Gettonatissimi i voli stagionali per Mykonos e Santorini, e sempre pieno il Bari-Tel Aviv. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA