«Gay di m...» e gli rompono due costole: feroce aggressione in strada

Mercoledì 18 Dicembre 2019 di Vincenzo DAMIANI
Prima gli insulti omofobi, poi l'aggressione fisica: calci e pugni sino a fargli perdere i sensi, lasciandolo sull'asfalto in una pozza di sangue. Vittima del pestaggio il 38enne Nicola De Marzo. L'uomo è finito in ospedale con una prognosi di 45 giorni. È accaduto a Bari lo scorso 11 dicembre, intorno alle 19, in un complesso residenziale  in via Pezze del Sole.

Prende a pugni il prof della figlia Il sospetto: aggredito perché ritenuto gay
Studente gay prende a pugni l'omofobo: «Prova a chiamarmi ancora f...»
Omosessuali? Lido vietato: «Qui non siete graditi». L'indignazione sul web

La vittima, come recita il referto medico e la denuncia presentata ai carabinieri, ha riportato lesioni su tutto il corpo e due costole rotte. Secondo quanto riferito ai carabinieri, due persone lo avrebbero colpito perché omosessuale. Il 38enne era andato a trovare un'amica ma è stato fermato per strada, insultato ("gay di m....") e poi picchiato. Il ragazzo ha avuto il coraggio di denunciare pubblicamente il grave episodio. Ultimo aggiornamento: 13:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA