Aereo scomparso, le storie dei passeggeri a bordo

Aereo scomparso, le storie dei passeggeri a bordo
di Mauro Evangelisti
3 Minuti di Lettura
Domenica 28 Dicembre 2014, 11:43 - Ultimo aggiornamento: 19:36

Lei doveva volare poco ore dopo sulla stessa rotta, tra Surabaya e Singapore, ma su un altro aereo. Il suo fidanzato, con cui presto si sarebbe sposata, era invece sull’Airbus di Airasia scomparso. All'aeroporto di Surabaya Louise Sidharta, 25 anni, imprenditrice indonesiana, ha scoperto che l'aereo su cui era salito Alan, il fidanzato, non era mai atterrato. «Alan aveva scelto di volare con la sua famiglia perché voleva spendere del tempo con loro per l’ultima vacanza insieme, visto che a maggio noi ci saremmo dovuti sposare» ha spiegato al quotidiano Strait Times. Ma le storie sono molte su quel volo Surabaya-Singapore Lo studente di 17 anni che tornava da una vacanza con i genitori. Il pilota francese che aveva scelto di lavorare in Asia. L’assistente di volo diventato padre da poco che aveva salutato la moglie con un bacio prima di partire. Come sempre succede una tragedia aerea porta con sé un intreccio di vite, di giochi del destino. La storia che colpisce di più forse è quella raccontata da Channel News Asia: una bimba di Singapore di appena due anni era a bordo del volo scomparso insieme al padre di nazionalità inglese. La madre, di Singapore anch’ella, era partita un giorno prima da Surabaya con l’altra figlia, più grande. Una banale scelta su chi dovesse partire prima e con quali delle due figlie ha deciso il destino dei componenti di questa famiglia.

Nico Giovanni, 17 anni, ha un nome che suona italiano, ma è indonesiano e frequentava uno junior college anglo-cinese nella città Stato di Singapore. A Surabaya in vacanza era andato con i genitori e il fratello. Sul suo profilo Twitter c'è ancora scritto: the best is yet to be (il meglio deve ancora venire), frase del poeta Robert Browning e motto del college. Su Twitter i suoi compagni di studi hanno già inviato diversi messaggi per ricordarlo.

Oscar Desano era un giovane assistente di volo indonesiano. Qualche mese fa scrisse un Tweet in memoria delle vittime dei due incidenti aerei della Malaysian Airlines. Questa mattina, racconta la moglie che lavora una stazione radio a Jakarta, era uscito sereno come sempre per andare al lavoro. Su Twitter Desano aveva anche pubblicato la foto della figlia nata da pochi mesi.

Un altro membro dell’equipaggio è Saifuel Rakhmad un giovane ingegnere di Jakarta, che due anni fa si trasferì a Surabaya per lavorare con Air Asia e che su Facebook compare con una foto scherzosa scattata all’interno di un’auto di Formula 1 esposta a una mostra. C’è chi come il copilota francese Emmanuel Remi Plesel è morto lontano dal suo Paese, in Asia dove aveva scelto di lavorare e di costruire la sua vita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA