Vaniglia e caramello salato: il cuore di panna di Isabella

Vaniglia e caramello salato: il cuore di panna di Isabella
Montarsi la testa no. Continuare a montare la panna, magari per uno dei manicaretti che l'hanno resa famosa nel perimetro tricolore (e non solo), sì. Anche se poi il nuovo Cornetto Limited Edition ideato per l'Algida, a ben vedere, non punta solo sulla panna fresca, ma in verità su una serie di altre prelibatezze made by Isabella Potì. E made in Bros', insomma. La si può veder armeggiare nello spot già in onda da qualche giorno su tutte le reti che contano: la canzone è quella classica che sessant'anni di estati al Cornetto ci hanno abituato a conoscere, l'atmosfera romantica, da candidi adolescenti anni Ottanta (estinti da un pezzo), e poi lei, la bella alchimista del ristorante stellato leccese (il primo della storia locale), a centellinare ingredienti da far morire di acquolina solo all'ascolto: «Pasta di limone, salsa mou, cioccolato bianco, spuma di vaniglia e latte, biscottini croccanti. E poi tuorlo d'uovo marinato, liquido e caramelloso: insomma, la ricetta del nostro Fucking Cold, Fottutamente freddo, trasferita nel Cornetto Algida», spiega la bionda (ex) pastry chef, oggi capocuoco del locale di via degli Acaya a Lecce. L'edizione, come già detto, è limitata, dunque temporanea: ma se il Cornetto by Isabella «il mio regalo ad un'istituzione dolce che compie sessant'anni» dovesse piacere particolarmente ai ragazzi italiani dal cuore di panna, chissà. Ci sono tutte le premesse, tra cioccolato bianco, vaniglia nera e limoni del Gargano: «Sono stati davvero molto gentili, quelli dell'azienda. Siamo riusciti a trovare il giusto compromesso tra le mie esigenze e le loro. È stato emozionante, per me, poter disegnare per una volta un prodotto così carico di significati come il Cornetto». E tutte le premesse di cui sopra concorrono, con mille altri buoni motivi, all'affermazione definitiva di questa giovanissima stella del gusto nell'empireo planetario dei gourmet. E dire che un'amica astrologa l'aveva predetto, che sarebbe stato un anno molto fortunato per il team dei Bros', timone saldamente nelle mani del duo Floriano Pellegrino Isabella Potì. E che il 2018-2019 sarebbe stato brillante in particolare per la bella chef, segno zodiacale Capricorno. La proposta Algida, infatti, viene da lontano: «Per la verità i contatti risalgono a prima del programma televisivo: diciamo che sono stati lungimiranti», scherza Isabella alludendo al suo ruolo da giudice, al fianco di Andrea Berton e Philippe Léveillé, nel programma Il ristorante degli chef, in onda su Raidue tra novembre e dicembre 2018 (seguito da una serie di collegamenti per Quelli che il calcio). La stessa astrologa prevede una vera e propria spirale di successi anche per i mesi a venire, e per il 2020 tutto. Ma Isabella da brava Capricorno, appunto ha i piedi ben piantati per terra: e la testa, a differenza della panna, non se la monta. «Dove voglio arrivare? A fare del mio meglio: non solo nel nostro ristorante, in tutto ciò che faccio». E quando hai solo 23 anni e un curriculum stellare come il suo, c'è da dirlo, il meglio è ancora molto lontano. Perché i progetti incombono, e sono tanti: da Roots, la trattoria d'autore che il team Bros' inaugura oggi a Scorrano, «a tante altre cose che mi rendono super felice». Tra cui lo stellato di via degli Acaya a Lecce, «anch'esso creatura che si evolve e muta lentamente. Vedremo cosa succederà». E la tivù? «Per adesso siamo qui, nei nostri locali. Siamo qui per quello, in fondo. Ed è quello che conta».
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Mercoledì 15 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento: 08:54