Ucraina, cane da guerra abbandonato dalle truppe russe si "arruola" nell'esercito di Kiev

Il Malinois belga è stato ricoverato e consegnato alle truppe ucraine che lo hanno addestrato a fiutare trappole e mine inesplose

Cane da guerra abbandonato dalle truppe russe si "arruola" con l'esercito ucraino
Cane da guerra abbandonato dalle truppe russe si "arruola" con l'esercito ucraino
3 Minuti di Lettura
Domenica 22 Maggio 2022, 19:17

Era un cane delle forze speciali russe prima di essere abbandonato sul campo di battaglia dai militari, ma ora Max, un Malinois belga, ha imparato i comandi ucraini ed è passato dall'altra parte dello schieramento, pronto a salvare le vite dei civili ucraini. 

Max, abbandonato dai russi è sopravissuto mangiando cibo in decomposizione

Max, il militare a 4 zampe di 3 anni, è stato trovato affamato e prossimo alla morte in un'area teatro di alcuni dei peggiori scontri da quando Vladimir Putin ha lanciato la sua invasione. Il Malinois belga è stato ricoverato e consegnato alle truppe ucraine che lo hanno addestrato a fiutare trappole e mine inesplose.

 

«D'ora in poi, Max servirà sul lato destro, difendendo l'Ucraina e mordicchiando i culi russi». Ha detto senza troppi giri di parole Dimitry, un membro della Guardia Nazionale dell'Ucraina. «Non riusciamo a capire perché i russi abbiano lasciato dietro di sé un animale così adorabile», ha commentato un'altro militare.

Max apparteneva alle truppe del Cremlino che avevano catturato un villaggio nella regione di Mykolaiv vicino al Mar Nero. Fu abbandonato nel momento della difficoltà militare durante il ritiro delle forze di Mad Vlad ed è sopravvissuto mangiando cibo in decomposizione.

Quando è stato trovato indossava ancora un collare mimetico rilasciato ai cani militari russi. «I Malinois sono la stessa razza utilizzata dalla SAS e dalla SBS. Sono animali coraggiosi, molto intelligenti e atletici», ha commentato al DailyStar un  soldato delle forze speciali britanniche 

«Sono tremendamente leali, ma Max è ovviamente convinto che gli ucraini siano ora i suoi nuovi padroni».

Ha aggiunto: «Sono molto sorpreso che uno di questi animali sia stato effettivamente abbandonato dai russi perché sono una risorsa molto apprezzata».

«Anche il legame tra un cane e il suo conduttore è molto forte», ha aggiunto. «Sarebbe come lasciare un membro della tua famiglia alle spalle».

© RIPRODUZIONE RISERVATA