Indonesia, tsunami dopo eruzione del Krakatoa: oltre 222 morti e 850 feriti

Un'onda alta fino a tre metri, arrivata inaspettatamente nel buio e senza nessun terremoto prima che la potesse far temere, ha devastato venerdì notte un tratto di costa occidentale dell'isola di Giava, in Indonesia, causando almeno 222 morti, almeno 850 feriti e molti dispersi, in un fine settimana di altissima stagione per il turismo locale. Con il rischio di un bilancio che potrebbe aggravarsi con il passare delle ore, come hanno sottolineato le stesse autorità indonesiane. 

LEGGI ANCHE Come nasce uno tsunami? Il video dell'INGV lo spiega così

 
 

Lo tsunami è stato con ogni probabilità causato dall'eruzione dell'Anak Krakatoa, un vulcano pochi chilometri al largo nello stretto della Sonda; si ipotizza che una frana sottomarina provocata dall'esplosione abbia generato l'onda anomala che si è infranta sulla spiaggia solo ventiquattro minuti dopo. L'onda ha distrutto oltre 500 case sul lungomare, danneggiando pesantemente anche una decina di hotel, sessanta ristoranti e 350 barche. 
 

La maggior parte delle vittime - che al momento, secondo le prime indicazioni, sembrano essere tutte indonesiane - si è registrata a est del vulcano, sulla sponda di Giava, nel distretto di Pandenglang: spiagge come Tanjung Lesung, Carita, Teluk Lada e Panimbang, a poche ore dalla capitale Giacarta, sono particolarmente frequentate dai turisti locali. Ed era l'inizio di un ponte festivo di quattro giorni. Decine di vittime sono state però segnalate anche sulla sponda di Sumatra, e si teme che ulteriori aggiornamenti del bilancio dei morti siano inevitabili.

Nel frattempo, le autorità hanno diramato un'allerta esortando la popolazione nell'area «a stare lontano dalle spiagge». Il muro d'acqua è arrivato all'improvviso, è penetrato all'interno della costa per decine di metri spazzando tutto sul suo cammino, abbattendo pali della luce e scaraventando macchine e motorini sui tetti di case distrutte. Facendo sentire la sua forza anche quando si è ritirato, trascinando con se in mare cose e persone. «Erano due onde, la seconda molto più potente della prima. Ho dovuto correre, mentre l'onda superava la spiaggia e si abbatteva 15-20 metri nell'entroterra», ha scritto su Facebook il fotografo norvegese Oystein Lund Andersen.


  ​Per le persone coinvolte, i soccorsi essenziali sono urgenti. Almeno, al contrario di altri disastri naturali in Indonesia, questa volta l'accesso dei soccorritori è più agevole, dato che infrastrutture come strade e fornitura di elettricità hanno subito danni contenuti. Il momento del disastro è stato ripreso involontariamente da uno spettatore del concerto della pop band Seventeen, che stava suonando sulla spiaggia per un evento premio aziendale dell'ente statale Pln, la società elettrica indonesiana.

Al termine della prima canzone, davanti a circa duecento spettatori, l'intero palco è stato travolto dal mare alle spalle, e in un attimo la scena di festa è stata completamente devastata, causando almeno 23 morti e decine di dispersi. Un componente e un manager della band sono morti e altri tre sono dispersi, così come la moglie del cantante Riefan Fajarsyah, miracolosamente sopravvissuto dopo essere stato risucchiato in mare: «Pregate per lei», ha detto in lacrime ai fan sul suo profilo Instagram. Nessuna allerta era stata lanciata prima del disastro. L'eruzione dell'Anak (figlio) Krakatoa - un'isola vulcanica alta trecento metri emersa dopo la catastrofica esplosione del vicino vulcano Krakatoa nel 1883 - è iniziata alle 21.03, provocando una colonna di cenere alta mezzo chilometro.

Non è stata l'eruzione più massiccia del baby vulcano da giugno, quando ha moltiplicato i segnali di rinnovata attività, tanto che era già proibito avvicinarsi a meno di due chilometri dal cratere. Gli esperti stimano che sott'acqua, senza essere percepita a terra, l'eruzione abbia però provocato uno smottamento che ha causato l'onda anomala, probabilmente potenziata anche dal vento e dalla marea in ascesa. Il disastro, che giunge a soli tre mesi dal terremoto e dallo tsunami che sull'isola di Sulawesi hanno causato oltre 2.500 morti, non potrà che riaccendere le polemiche sulla cattiva gestione del sistema di allarme per maremoti, rimasto silente in quel caso così come ieri.

Allora si era scoperto che gran parte delle boe installate dopo il catastrofico tsunami del 2004 erano fuori uso per mancata manutenzione e per l'azione di vandali. Paradossalmente a Pandeglang, questa mattina, l'allarme si è attivato. Ma a causa di un malfunzionamento, lanciando l'allarme per un'onda di quindici ore prima di quella che ha causato la tragedia. Immediata è arrivata la solidarietà del mondo nei confronti dell'Indonesia. Il Papa ha lanciato un appello affinché «non manchi a questi fratelli e sorelle la nostra solidarietà e il sostegno della Comunità Internazionale». L'Ue ha fatto sapere di essere pronta «a fornire qualsiasi assistenza richiesta», e il presidente Usa Donald Trump ha parlato di «devastazione impensabile», invitando a pregare affinché l'Indonesia si riprenda.​​
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Domenica 23 Dicembre 2018 - Ultimo aggiornamento: 24-12-2018 09:44
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti