Spostamenti tra regioni consentiti. Ma è «fortemente raccomandato» non farlo

Domenica 25 Ottobre 2020 di Michela Allegri
Spostamenti tra regioni consentiti. Ma è «raccomandato» non lasciare il comune di residenza

La conferenza stampa del premier Giuseppe Conte era prevista ieri, in serata. Tutti sintonizzati davanti a televisori e dirette streaming per conoscere i dettagli del nuovo Dpcm che impone norme di contenimento del contagio molto più severe rispetto a quelle già in atto. Alla fine l'accordo è stato trovato. La tensione per le misure anti-covid è salita nel pomeriggio, trasformandosi in uno scontro aperto prima delle 20,30, quando era previsto l'annuncio. Un punto in particolare non convinceva sia l'opposizione che la stessa maggioranza, e soprattutto governatori: la stretta sugli spostamenti. Tanto che alla fine è diventata una semplice raccomandazione.

LEGGI ANCHE Dpcm, locali e negozi: lo stop è alle 18. Braccio di ferro con le Regioni

Il premier e il ministro della Salute, Roberto Speranza, hanno spinto per chiudere i confini regionali, ma hanno avuto praticamente tutti contro. Sul punto sono rimasti dubbiosi anche i 5 Stelle, che hanno chiesto di tutelare il proseguo delle attività economiche e produttive interregionali del Paese. Nel caso si fosse deciso di chiudere, la richiesta fatta dal capogruppo del Movimento alla Camera, Davide Crippa, era di semplificare la vita dei cittadini, per esempio dando la possibilità di compilare le autocertificazioni tramite l'app Immuni. Tra i più contrari, i governatori del Nord, con Giovanni Toti in prima linea nella polemica («Ci sono persone che si spostano per lavoro e per studio, chiudere i confini non solo è ingiusto, ma non è fattibile e non è controllabile») e il governatore della Regione Emilia Romagna, nonché presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini, che ha anche inviato una lettera ufficiale al premier e ai ministri Roberto Speranza e Francesco Boccia.


Gli spostamenti


Nel nuovo Dpcm si legge che «è fortemente raccomandato a tutte lee persone fisiche di non spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, salvo che per esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi». Spostarsi, quindi, è possibile, ma è altamente sconsigliato. Tradotto: niente multa se ci si mette in viaggio, ma si deve essere consapevoli dei rischi. Le forze dell'ordine proseguiranno i controlli sul rispetto della normativa all'interno di locali e ristoranti - ora si aggiunge l'orario di chiusura anticipato - e anche per strada: gli assembramenti restano ovviamente vietati e la mascherina deve essere sempre indossata.

Video


Autocertificazione e viaggi all'estero


L'autocertificazione servirà solamente nelle regioni dove è in vigore il coprifuoco, se si ha necessità di uscire di casa dopo l'orario di chiusura. E i viaggi all'estero? Sono vietati gli spostamenti da e per gli Stati e i territori riportati negli elenchi della Farnesina, e anche l'ingresso e il transito nel territorio nazionale delle persone che hanno soggiornato nelle stesse aree. Ovviamente fanno eccezione necessità ed esigenze improrogabili. L'ingresso in Italia deve essere comunicato al Dipartimento di prevenzione dell'azienda sanitaria competente per territorio. E in caso di rientro da zone a rischio scatterà l'isolamento domiciliare e fiduciario.

Ultimo aggiornamento: 26 Ottobre, 12:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA