Sergei Gorenko, morto in un'esplosione in ufficio il procuratore generale dell'autoproclamata repubblica di Lugansk. Uccisa anche la vice

Ucraina: bomba esplosa nell'edificio della Procura a Lugansk

Sergei Gorenko, morto in un'esplosione in ufficio il procuratore generale dell'autoproclamata repubblica di Lugansk
Sergei Gorenko, morto in un'esplosione in ufficio il procuratore generale dell'autoproclamata repubblica di Lugansk
3 Minuti di Lettura
Venerdì 16 Settembre 2022, 18:02

Il procuratore generale dell'autoproclamata repubblica di Lugansk (Rpl), in Ucraina, Sergei Gorenko è rimasto ucciso in un'esplosione avvenuta nell'edificio della Procura a Lugansk: lo hanno riferito i servizi di emergenza della città a Interfax.

«Secondo le informazioni preliminari, il procuratore Gorenko si trovava nella zona dell'esplosione». Anche il vice procuratore generale è stato ucciso dall'esplosione di una bomba avvenuta stamane negli uffici della Procura. Lo riferisce l'agenzia russa Tass.

 

Leonid Pasechnik, leader dell'autoproclamata Repubblica popolare di Lugansk, ha confermato l'uccisione del procuratore generale di Luhansk, Sergei Gorenko, e della sua vice, Ekaterina Steglenko, a seguito di un'esplosione avvenuta nell'edificio della procura. In una nota citata dall'agenzia di stampa Interfax, Pasechnik ha spiegato che le forze di sicurezza hanno lanciato un'operazione per catturare le persone coinvolte nell'attacco terroristico.

Pasechnik ha assicurato che «la situazione nella repubblica è sotto controllo» e ha esortato gli abitanti a non farsi prendere dal panico.

Uccisi il capo della commissione referendum di Zaporizhzhia 

«Il vice capo dell'amministrazione civile-militare di Berdyansk per gli alloggi e i servizi pubblici Oleg Boiko e sua moglie Lyudmila Boiko, che dirigeva la commissione elettorale territoriale della città per la preparazione del referendum, sono stati uccisi vicino al loro garage»: lo ha dichiarato l'amministrazione su Telegram, citata da Interfax. Il doppio omicidio è stato commesso a Berdyansk, nella parte della regione di Zaporizhzhia controllata dalla Russia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA