Salvini: «Tagliare 5 miliardi per l'accoglienza ai migranti»

Venerdì 1 Giugno 2018

«Porte aperte in Italia per la gente per bene e biglietto di sola andata a quelli che vengono in Italia a fare casino e pensano di essere mantenuti a vita. A casa loro sarà una delle nostre priorità». Così Matteo Salvini, che oggi giurerà da ministro dell'Interno, in un comizio a Sondrio giovedì sera. «Vorrei dare una bella sforbiciata a quei 5 miliardi di euro, che mi sembrano un po' tantini» per l'accoglienza, ha aggiunto.

«Mi sono confrontato con il nuovo presidente del Consiglio - ha aggiunto Salvini - gli ho chiesto di prestare attenzione ai quei 5 miliardi di euro che anche quest'anno sono destinati al mantenimento dei richiedenti asilo». «Vorrei dare una sforbiciata, mi sembrano tantini. Avremo un approccio leggermente diverso da quello della signora Boldrini», ha concluso.

 

«Sono felice di fare il mio primo intervento da quasi ministro nella mia terra, tra le mie montagne, nella mia Lombardia», ha detto Salvini. «Ho fatto la tessera della Lega nel 1990 a 17 anni, andavo al liceo con le braghe corte. Sono passati 28 anni e mai nella vita avrei pensato di fare il segretario nazionale e ora il ministro. Ci vuole una bella dose di follia», ha aggiunto. «Riparto da Sondrio portandomi nel cuore questa piazza incredibile e questa voglia di cambiamento. Questa giornata me la ricorderò per tanto tempo, come pure questa piazza. È un punto di inizio, non di arrivo», ha continuato.

«Sono consapevole - ha aggiunto Salvini - che commetterò errori, solo chi non fa non sbaglia. Ci ritroveremo in questa piazza per raccontarvi quello che siamo riusciti a fare». «Mi piacerebbe che, dopo qualche mese del nostro governo, ci sia qualche tassa in meno e sicurezza in più, qualche immigrato in meno e qualche posto di lavoro in più, senza miracoli», ha proseguito parlando di fronte a una piazza gremita di migliaia di persone. «Sondrio è una splendida città - ha detto - da troppo tempo amministrata dal centrosinistra che ha fatto solo danni. Fra
pochi giorni, spero che Marco Scaramellini sia il nuovo sindaco».
 

«Sarò il ministro di tutti» e quello che nasce, è un «governo di buona volontà, di persone per bene e senza debiti con nessuno. Io starò tanto tempo in un ufficio ma tanto tempo possibile tra di voi, fra le persone. E che il buon Dio ce la mandi buona», ha affermato ancora il segretario della Lega. 

«La mafia ci ha sempre fatto e sempre ci farà schifo, ovunque ci sarà ingiustizia cercherò di esserci con una squadra. Vi chiedo di starci vicino perché da soli non si può fare niente», sono state ancora le parole del leader della Lega.

«Voglio far tornare l'Italia protagonista in Europa. Con le buone maniere, senza fare confusione, ma sono stufo di governi col cappello in mano. Non siamo secondi a nessuno», ha sostenuto ancora il segretario della Lega.

 

Ultimo aggiornamento: 2 Giugno, 09:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA