Firenze, rissa a cinghiate: americani "in branco" contro gli italiani. Ferito un 21enne Video choc

Firenze, rissa a cinghiate: americani "in branco" contro gli italiani. Ferito un 21enne Video choc
Firenze, rissa a cinghiate: americani "in branco" contro gli italiani. Ferito un 21enne Video choc
2 Minuti di Lettura
Lunedì 2 Aprile 2018, 20:24 - Ultimo aggiornamento: 3 Aprile, 16:30
Una rissa furiosa è scoppiata la notte scorsa nel centro di Firenze, davanti a una nota discoteca tra due gruppi di giovani, statunitensi e italiani. I sanitari del 118 hanno soccorso un ragazzo di 21 anni che ora è ricoverato nel reparto di otorinolaringoiatria all'ospedale di Careggi per un trauma cranio facciale e una ferita che gli ha lacerato il padiglione di un orecchio. Per lui la prognosi, al momento, è di 25 giorni. 

Pavia, rissa tra adolescenti in centro: 16enne preso a manganellate finisce in ospedale

Il portale online IlsitodiFirenze.it ha postato sul suo canale YouTube un video in cui si vedono i due gruppi di giovani a contatto, con qualcuno che chiede di chiamare un'ambulanza (GUARDA). Tre giovani americani, compreso quello ferito, sono stati denunciati. Complessivamente una quindicina quelli che si sarebbero picchiati con cinture, calci e pugni. L'allarme, prima al 118 e poi al 113, è arrivato dal buttafuori della discoteca.

Napoli, spruzza spray urticante durante una lite con altre ragazze: 22enne denunciata

Secondo quanto ricostruito intorno alle 3,30 il gruppo di americani è uscito dal locale: i ragazzi si sarebbero tolti le cinture e si sarebbero diretti contro il gruppo di italiani che era in piazza Davanzati. All'arrivo dell'ambulanza i giovani sono fuggiti lasciando sul posto solo il ferito e due suoi amici che lo stavano aiutando. I tre giovani denunciati, a Firenze per motivi di studio, hanno raccontato di essere stati provocati dai ragazzi italiani mentre uscivano dalla discoteca. Gli agenti delle volanti stanno cercando di risalire a tutti i partecipanti alla rissa e a quanto effettivamente successo anche con le immagini delle telecamere di sorveglianza.
© RIPRODUZIONE RISERVATA