Rc auto familiare al via, ma scatta il supermalus

Sabato 15 Febbraio 2020 di Giusy Franzese
Rc auto familiare al via oggi, ma scatta il supermalus

Si salva l'Rc auto familiare: entra in vigore, come previsto originariamente, oggi. Anche se con una novità rilevante: l'introduzione di una sorta di supermalus per i motorini che causano incidenti con danni superiori a cinquemila euro. Salta anche il rinvio dell'obbligo di pagamenti tracciabili per ottenere le detrazioni fiscali. Via libera, per quest'anno, alla cedolare secca al 10% sugli affitti abitativi a canone concordato nelle zone terremotate. Si allunga di sei mesi la moratoria sulle trivelle (da 18 a 24 mesi) per la ricerca e la prospezione di idrocarburi e vengono concesse più chance per la stabilizzazione dei precari della pa (potranno maturare fino a fine dicembre 2020 i tre anni di servizio necessari).

Assicurazione auto familiare non slitta: al via domenica 16 febbraio e arriva il malus Cosa cambia
Rc Auto familiare, nessuna proroga: entra in vigore il 16 febbraio, ma arriva il «malus»

Novità per le procedure di sfratto degli immobili all'asta (se abitazione principale il debitore e i suoi familiari possono rimanere nell'appartamento fino al decreto di trasferimento) e per l'utilizzo dei monopattini. Il decreto Milleproroghe ha completato l'esame nelle commissioni alla Camera e lunedì approderà nell'aula di Montecitorio. Difficilmente ci sarà spazio per un'ampia discussione: quasi certamente sarà chiesta la fiducia in vista del fatto che entro il 29 febbraio il testo deve essere approvato definitivamente e deve ancora passare al vaglio del Senato.

L'ASSALTO
Tra le tante novità introdotte ci sono finanziamenti attesi e necessari, come i due milioni aggiuntivi al fondo nazionale per l'assistenza dei bambini malati di tumore, i quattro milioni per famiglie esposte all'amianto e le risorse per l'edilizia scolastica, ma anche il solito assalto alla diligenza con distribuzione a pioggia di risorse, prese in particolare dal fondo di 15 milioni per esigenze indifferibili.
Ed ecco che troviamo centinaia di migliaia di euro stanziati per completare lavori di ristrutturazione del complesso conventuale San Felice, altrettanti per l'Accademia dei Lincei, della Scuola Europea Industrial e ben 870.000 per far slittare al 2021 l'aumento delle accise sui sigari.

POLIZZE ASSICURATIVE
Data confermata: oggi (16 febbraio) entrerà in vigore l'Rc auto familiare. Nessun rinvio, i vari emendamenti che lo chiedevano, presentati nell'ambito del Milleproroghe in discussione alla Camera, sono stati tutti bocciati. È passata, però, una modifica che rende meno conveniente la versione originaria varata con il decreto fiscale di fine d'anno: una sorta di supermalus per le moto e gli scooter che, avendo usufruito della polizza familiare, hanno poi un incidente con danni superiori a cinquemila euro. In questi casi si peggiorerà di ben cinque classi di merito contro le due previste attualmente. La modifica (molto punitiva nei confronti degli assicurati) è stata proposta dal deputato Pd Claudio Mancini. E meno male che l'emendamento è stato riformulato dal Mise: Mancini prevedeva un peggioramento di classe per tutti i veicoli della famiglia. Invece a scivolare cinque classi più giù, con un aggravio consistente del costo di polizza, sarà solo la moto o lo scooter che ha causato l'incidente: il testo dell'emendamento parla infatti di disposizioni da applicarsi «unicamente ai soggetti beneficiari dell'assegnazione della classe di merito più favorevole per il solo veicolo di diversa tipologia». Insomma il supermalus è individuale e non riguarda gli altri membri e gli altri veicoli del nucleo familiare che quindi non subiranno rincari. Ricordiamo che l'Rc auto familiare consente che all'interno dello stesso nucleo familiare si possa beneficiare della classe di merito più vantaggiosa anche in caso di rinnovo (non quindi solo per la prima stipula come prevedeva la legge Bersani) e per tutti i veicoli, anche non della stessa tipologia (quindi anche nel passaggio auto-moto). Secondo alcune simulazioni i risparmi per una famiglia che ha due auto e due motorini possono arrivare anche a oltre mille euro l'anno. La norma, sin dall'inizio, ha incontrato l'ostilità delle compagnie assicurative. Secondo l'ad di Unipol, Carlo Cimbri,«è una normativa di carattere populista» che «produrrà effetti iniqui» in quanto «penalizzerà le famiglie meno abbienti che magari hanno un solo veicolo mentre le più abbienti, che hanno 3 o 4 veicoli, ne beneficeranno». Per Cimbri «le compagnie aumenteranno i prezzi e rivedranno le componenti tariffarie per far sì che questa operazione sia un gioco a somma zero». Anche per Ania si tratta di «una norma fortemente ingiusta per gli assicurati».

Nessuna proroga: per ottenere le detrazioni al 19% da quest'anno su tutta una serie di spese, dalla palestra dei figli al dentista (e tutte le strutture mediche private), bisognerà che i pagamenti siano tracciabili, ovvero avvengano con carte di credito o debito, bonifici, assegni. Contanti ancora ammessi - dietro presentazione della tessera sanitaria - per le strutture pubbliche, le private convenzionate, le spese sostenute per i farmaci e i dispositivi medici.
Per guidare i monopattini occorre avere compiuto 14 anni, il limite di velocità è 50Km/orari e non possono circolare fuori dalle strade urbane. I minori di 18 anni dovranno indossare il casco e dopo il tramonto, per tutti, è obbligatorio il giubbotto o le bretelle retroriflettenti.

 

Ultimo aggiornamento: 17 Febbraio, 19:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA