Muore di Covid a 28 anni dopo aver partorito, non era vaccinata. «All'ospedale le avevano detto di curarsi a casa»

Sabato 11 Settembre 2021
Palma muore di Covid a 28 anni dopo aver partorito. «All'ospedale le avevano detto di curarsi a casa»

Non era vaccinata, ha contratto il Covid mentre era incinta, ha partorito all'ottavo mese ma non ce l'ha fatta ed è morta. È accaduto a Napoli dove una donna era ricoverata in terapia intensiva al II Policlinico: era intubata da circa dieci giorni dopo essere stata ricoverata ad agosto. È la seconda donna incinta deceduta nel reparto specializzato del nosocomio, la prima era morta durante la prima ondata della pandemia, prima che ci fosse il vaccino, aveva comorbilità importanti ed era incinta di 16 settimane. Con lei morì anche il figlio. 

Bimba di 4 anni muore di Covid poche ore dopo i primi sintomi. La mamma: «Non ero vaccinata, me ne pento»

La ragazza morta oggi, Palma Reale, era di Santa Maria Capua Vetere (Caserta), era stata ricoverata lo scorso 29 agosto e i medici hanno fatto nascere suo figlio con un cesareo a 35 settimane. Il bimbo ora sta bene. «Nei giorni seguenti al parto - spiega all'Ansa Giuseppe Bifulco, professore di ginecologia e ostetricia e direttore del reparto per le donne incinte con Covid al Policlinico - c'è stato un aggravamento del quadro respiratorio e avevamo dovuto trasferirla in rianimazione da un decina di giorni, ma oggi non ce l'ha fatta».

Caserta, mamma muore di Covid a 28 anni

Il calvario di Palma Reale è cominciato a fine agosto, quando - secondo il racconto sui social della sorella Maria - la 28enne ha cominciato ad avvertire forti dolori alla pancia e difficoltà respiratorie. La famiglia della vittima rivolge delle pesanti accuse nei confronti dell'ospedale di Caserta, dove la ragazza si era recata inizialmente. Maria Reale scrive: «Mia sorella Palma, 28 anni, incinta 8 mesi, si era recata al pronto soccorso di Caserta per dolori di pancia e difficoltà respiratorie. L’ospedale effettua come da prassi un tampone risultato positivo. Cosa succede? Mia sorella viene mandata a casa! Curare a casa le dicono, da incinta con problemi respiratori in atto, senza fare una tac, nulla!». 

 

 

La testimonianza della sorella

La situazione precipita nel giro di pochi giorni e Palma viene ricoverata al Policlinico di Napoli, dove fanno nascere - per fortuna senza problemi - il bimbo che portava in grembo. La 28enne finisce poi in terapia intensiva, intubata, in coma farmacologico. «Un polmone collassato, l’altro molto danneggiato. Una ragazza di 28 anni sana, che non ha mai fumato, con 3 bambine che la aspettano a casa e un marito, ora tutti positivi naturalmente», spiega la sorella. Per Palma non c'è stato nulla da fare, morta di Covid a 28 anni senza poter abbracciare il suo bimbo.

Le altre mamme no vax

Due giorni fa nel reparto era morta una bimba nata prematura di 26 settimane da una mamma non vaccinata e affetta da Covid Le corsie del reparto restano piene. «Abbiamo ancora due ragazze in terapia intensiva - ricorda Bifulco - e gli arrivi sono costanti. Anche confrontandoci con altri colleghi sul territorio sappiamo di molte donne incinte infettate anche se asintomatiche. Noi possiamo solo ricordare a tutte le donne in attesa di fare il vaccino dopo il terzo mese per evitare rischi e il cesareo prematuro».

L'afflusso di donne incinte no vax prosegue nel reparto del Policlinico e ieri anche il governatore campano Vincenzo De Luca ha rinnovato il suo appello: «Alle donne in stato di gravidanza dico di fare il vaccino dopo i primi tre mesi. Poi ognuno faccia le sue scelte. Noi più di quello che stiamo facendo non possiamo, dipende da voi la durata di questo calvario» Nelle scorse settimane neonatologi, pediatri e ginecologi avevano segnalato al Ministero della Salute di accelerare la vaccinazione anti-Covid delle donne in gravidanza ed in allattamento e dei bambini di età superiore ai 12 anni, affermando che ci sono «gravi anche per queste categorie».

I vaccini a mRNA, sottolineano le associazioni di specialisti sono «assolutamente sicuri sia per le donne in gravidanza, sia per le donne che allattano. In alcuni centri di riferimento nel mondo (come a Parigi, in Israele, in Belgio, in Irlanda, negli USA) la vaccinazione in gravidanza viene offerta di routine. Non esistono controindicazioni e il vaccino, non influisce sulla fertilità della donna, nè vi è alcun motivo per rimandare una gravidanza». Queste indicazioni sono fornite anche in Italia dall'ultima circolare del Ministero della Salute del 4 agosto e ribadite dall'Organizzazione Mondiale della Sanità in un documento del 25 giugno.

Ultimo aggiornamento: 13 Settembre, 12:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA