Migranti, la Polonia costruirà un muro al confine con la Bielorussia: inizio lavori a dicembre

Lunedì 15 Novembre 2021
Migranti, la Polonia costruirà un muro al confine con la Bielorussia

La Polonia ha deciso di costruire un muro al confine con la Bielorussia. Lo annuncia il governo di Varsavia nel pieno della crisi migranti con Minsk. I lavori partiranno a dicembre e dovrebbero essere completati nella prima metà del prossimo anno, ha affermato il ministero degli Interni polacco in una nota. «L'impegno che dobbiamo portare avanti è un investimento assolutamente strategico e prioritario per la sicurezza della nazione e dei suoi cittadini», ha affermato il ministro dell'Interno Mariusz Kaminski. Il ministero ha affermato che i contratti saranno firmati entro il 15 dicembre e che i lavori sul confine inizieranno nel corso del mese, andando avanti 24 ore al giorno su tre turni. La barriera ha un costo stimato di 353 milioni di euro e si prevede che si estenderà per 180 chilometri, circa la metà della lunghezza totale del confine tra Polonia e Bielorussia. Il mese scorso il Parlamento aveva dato il suo via libera alla costruzione della barriera.

 

Borrell (Ue): «Sanzioni in vigore nei prossimi giorni»

Le sanzioni approvate oggi dal Consiglio Affari esteri che riguardano «un nuovo gruppo di persone e entità responsabile dell'attraverso delle frontiere dei migranti» dalla Bielorussia «saranno in vigore nei prossimi giorni». Lo ha detto l'Alto Rappresentante per la Politica Estera dell'Ue, Josep Borrell.

«Continuiamo ad affrontare un'aggressione ibrida contro le frontiere europee. Studiamo tutte le opzioni possibili per bloccare il regime bielorusso di Lukashenko dall'attaccarci. La strada per l'Ue non passa per la Bielorussia. La responsabilità di ciò che accade è bielorussa al 100%. Questa crisi è stata creata in modo artificiale e non ci distrarrà rispetto a quella che è la situazione interna alla Bielorussia, con una costante violazione di diritti umani», ha aggiunto Borrell.

 

Bielorussia, Lukashenko: «Lavoriamo a rimpatrio migranti»

La Bielorussia «opera attivamente» per rimpatriare i migranti fatti confluire al confine con la Polonia, ha promesso Aleksandr Lukashenko nell'apparente tentativo di de escalation della crisi, nel giorno in cui l'Unione europea torna a discutere altre sanzioni contro il suo regime. Lukashenko ha detto di non volere che la crisi al confine degeneri in un «conflitto». 

 

 

 

Centiana di migranti alla dogana

Centinaia di migranti in territorio bielorusso si sono concentrati alla frontiera con la Polonia, presso la dogana di Bruzgi, in quello che viene descritto come un tentativo di attraversare legalmente il confine. A fronteggiarli ci sono le forze di sicurezza polacche. Un elicottero sta monitorando dall'alto la situazione e vi sono un gran numero di mezzi sul versante polacco. Lo riportano diversi media russi, tra cui RT.

Ultimo aggiornamento: 18:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA