Usa, Gran Bretagna e Australia svilupperanno armi ipersoniche in risposta all'ascesa militare della Cina

Pechino sta aumentando gli sforzi per migliorare l'arsenale missilistico. L'annuncio ufficiale potrebbe arrivare da Joe Biden già oggi

Usa, Gran Bretagna e Australia svilupperanno armi ipersoniche in risposta all'ascesa militare della Cina
​Usa, Gran Bretagna e Australia svilupperanno armi ipersoniche in risposta all'ascesa militare della Cina
2 Minuti di Lettura
Martedì 5 Aprile 2022, 17:43 - Ultimo aggiornamento: 20:19

Missili ipersonici per rispondere alla Cina. Stati Uniti, Gran Bretagna e Australia lavoreranno allo sviluppo delle super armi, ampliando il patto di sicurezza che deve rappresentare una contromisura all'ascesa militare di Pechino. Secondo il "Financial Times", il presidente statunitense Joe Biden potrebbe annunciare l'ampliamento del patto Aukus già oggi. Dalla Casa Bianca non sono arrivati commenti alla notizia. 

L'Italia invia i Tornado all'esercitazione Nato in Grecia per «aumentare la prontezza al combattimento»

Centinaia di test con missili ipersonici

La Cina sta aumentando gli sforzi per migliorare l'arsenale missilistico. Pechino ha condotto diverse centinaia di test con missili ipersonici, che volano a una velocità cinque volte superiore a quella del suono. Ciò che li rende un problema, è il fatto che a differenza dei missili balistici, è molto più difficile riuscire a intercettarli. 

 

La Cina l'anno scorso ha fatto volare un'arma ipersonica intorno alla terra. L'arma, nota come veicolo planante ipersonico, ha sparato un missile mentre sorvolava il Mar Cinese Meridionale. Gli scienziati militari del Pentagono sono rimasti sbalorditi dal fatto che la Cina abbia superato alcuni dei vincoli delle leggi della fisica che rendono molto difficile lanciare un missile da un'arma che viaggia a tali velocità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA