Quirinale, a Mattarella il ventaglio dello studente pugliese

Quirinale, a Mattarella il ventaglio dello studente pugliese
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 27 Luglio 2022, 14:07 - Ultimo aggiornamento: 20:00

Questa mattina il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha ricevuto i vertici dell'Associazione stampa parlamentare, guidati dal presidente Adalberto Signore, per la consegna del Ventaglio (La vera e propria cerimonia è saltata a causa dello scioglimento della Camere). L'opera consegnata quest'anno al presidente è particolarmente evocativa.

Elogio all'instabilità

Realizzato dall'allievo dell'Accademia delle Belle Arti di Lecce, Annibale Trani, il ventaglio è in ceramica e rappresenta una serie di listelli quadrati che sono accostati in modo caotico nella parte centrale per poi svilupparsi verso l'esterno in maniera sempre più ordinata. Il titolo dell'opera - che l'Associazione stampa parlamentare ha selezionato tra i vincitori del concorso "I ventagli dei Presidenti" lo scorso aprile - è "Elogio all'instabilità". 

Erano presenti Giuseppe Carmine Soriero e Cecilia Casorati, rispettivamente Presidente e Direttrice dell'Accademia di Belle Arti di Roma, e Grazia Tagliente, professoressa dell'Accademia di Belle Arti di Lecce.

L'opera

"Secondo il vincitore - si legge sul sito dell'Accademia - l’Italia, l’Europa e il mondo intero hanno compreso che l’instabilità è un modello di ordine, come insegna la scienza, entro cui delineare le nuove forme di relazione umana e di responsabilità politica. Dalle vicende del singolo individuo e fino alle riforme di una Nazione, considerare le forze dell’entropia diviene segno di attenzione verso il presente costantemente instabile, ma capace di organizzarsi su diversi modelli di stabilità per concretizzare prospettive di bellezza partecipata, secondo le indicazioni del nuovo Bauhaus europeo, che intende sviluppare un quadro innovativo a sostegno degli obiettivi del Green Deal. Obiettivi che hanno lo scopo di combinare design, sostenibilità, accessibilità e investimenti mirati per creare un ponte tra il mondo dell’arte e della cultura e il mondo della scienza e della tecnologia, con il coinvolgimento di artisti, studenti del mondo accademico, della ricerca e dell’innovazione, per un cambiamento sistemico dell’intera società.

Il vincitore

"Il meritevole studente salentino - si legge sul sito dell'Accademia -  con l’idea compositiva alla base del suo lavoro artistico, è riuscito a conquistare l’importante premio a carattere nazionale, realizzando un’opera in ceramica, tecnica che ha origini antiche nella cultura artistica pugliese, elaborata però in nuove forme, per restituire, nella pratica, i pensieri più coerenti con la contemporaneità".

Annibale Trani, si diploma all’Istituto Statale d’arte di Grottaglie nel 1993, ereditando la passione dell’arte ceramica dal padre Salvatore e lavora, sin da piccolo, nella bottega di famiglia. Dopo una breve esperienza di imprenditoria nel settore, la sua formazione si arricchisce all’interno di un’azienda produttrice di oggetti di design. Nel 2019 si iscrive all’Accademia di Belle Arti di Lecce, alla scuola di scultura, per iniziare il percorso di studi nell’Alta formazione, con alle spalle una lunga esperienza laboratoriale, che gli permette di affinare, nel tempo, la ricerca sulla tecnica a lui più congeniale. Annibale prosegue, innovandola, l’attività iniziata fin dal 1860 dal bisnonno Michele e dal nonno Annibale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA