Mahsa Amini, 5 morti nelle proteste per la 22enne picchiata a morte dalla polizia in Iran perché una ciocca di capelli era sfuggita al velo

La Farnesina in un tweet: "Profondo dolore per la morte della studentessa". Anche l'Onu condanna la condotta della polizia

Mahsa Amini, 5 morti nelle proteste per la 22enne picchiata a morte dalla polizia in Iran perché una ciocca di capelli era sfuggita al velo
Mahsa Amini, 5 morti nelle proteste per la 22enne picchiata a morte dalla polizia in Iran perché una ciocca di capelli era sfuggita al velo
5 Minuti di Lettura
Martedì 20 Settembre 2022, 19:26 - Ultimo aggiornamento: 20:16

Mahsa Amini picchiata a morte la settimana scorsa dalla polizia in Iran perché dal velo sfuggiva una ciocca di capelli: cinque persone sono state uccise dalle forze di sicurezza nella regione curda dell'Iran durante le proteste per la sorte della 22enne arrestata dalla polizia morale perché non indossava correttamente il velo. Le vittime, secondo il gruppo curdo per i diritti umani Hengaw, con sede in Norvegia, sarebbero state uccise con colpi di arma da fuoco in Kurdistan (regione di origine di Mahsa), dove la polizia ha sparato contro uomini, donne e bambini scesi nelle strade. Anche la portavoce dell'Ufficio Onu per i Diritti umani afferma che hanno perso la vita «da due a cinque persone».

 

Oltre alle proteste in strada vanno registrate le tante donne che si tagliano i capelli o che bruciano il velo hijab. Una forma di protesta poi rilanciata dai social.  

Sulla vicenda è intervenuta anche la Farnesina «Profondo dolore per la morte di Masha Amini a Teheran» è espresso in un tweet. «Siamo vicini alla sua famiglia e speriamo che gli autori di questo atto vile vengano identificati e chiamati a risponderne. La violenza contro persone innocenti, soprattutto donne e ragazze, non può mai essere tollerata».

Il governatore del Kurdistan al momento dà conferma solo di tre morti. Al quarto giorno di proteste, anche se l'entità delle violenze e il numero degli arresti sono difficili da valutare, sui social media sono stati pubblicati video di pestaggi e scontri, compresi filmati in cui si sentono colpi di armi da fuoco.

Alcune immagini mostrano una bambina di 10 anni ferita e insanguinata nella città di Bukan. Il video è diventato virale sui social. Sulla vicenda è intervenuta l'Onu che ha denunciato «la violenta repressione» alle manifestazioni. L'Alto Commissario Nada Al-Nashif, ha espresso preoccupazione per la morte di Mahsa: «La tragica morte della giovane e le accuse di tortura e maltrattamenti devono essere indagate in modo rapido, imparziale ed efficace da un'autorità indipendente, assicurando che la sua famiglia abbia accesso alla giustizia».

Secondo la portavoce dell'Ufficio dell'Alto Commissario Onu, in diverse città del Paese, compresa Teheran, la polizia ha «sparato munizioni vere» e usato gas lacrimogeni. Mahsa è morta venerdì in ospedale dopo essere stata per tre giorni in coma. Martedì scorso era con il fratello a Teheran quando è stata arrestata dalla polizia della moralità. Funzionari iraniani hanno affermato che la ragazza è morta per un «attacco di cuore».

Tuttavia, la sua famiglia ha affermato che non aveva una condizione cardiaca preesistente. Il filmato, secondo fonti dei siti internazionali 'modificato' della telecamera di sicurezza rilasciato dai media statali iraniani, sembra mostrare la ragazza che crolla a terra in un centro di «rieducazione» dove era stata portata per ricevere un «guida» sul suo abbigliamento. Ora la polizia morale è nell'occhio del ciclone: centinaia di manifestanti sono scesi in strada sfidando la dura repressione per chiederne l'abolizione, e anche alcuni parlamentari hanno osato criticare questa istituzione, sollecitando la revisione o l'abolizione. La 'polizia morale', nota anche come Gasht-e Ershad, o «pattuglia della morte», «non ottiene alcun risultato, se non quello di causare danni al Paese», ha dichiarato il deputato Jalal Rashidi Koochi.

Il presidente del Parlamento Mohammad Bagher Ghalibaf dal canto suo ha chiesto che la condotta di questa unità di polizia sia oggetto di una inchiesta: «I metodi utilizzati da queste pattuglie dovrebbero essere rivisti», ha detto. «Profondo dolore per la morte di Masha Amini a Teheran» è stato espresso dalla Farnesina: «Siamo vicini alla sua famiglia e speriamo che gli autori di questo atto vile vengano identificati e chiamati a risponderne. La violenza contro persone innocenti, soprattutto donne e ragazze, non può mai essere tollerata».

Il momento è delicato per il presidente iraniano Ebrahim Raisi che si trova a New York per rivolgersi per la prima volta all'assemblea generale dell'Onu. Gruppi per i diritti umani a NYc stanno protestando contro la sua presenza e avviando azioni legali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA