Maestra indagata per molestie a Vicenza. Un bimbo: «Mi ha baciato sulla bocca»

Giovedì 30 Maggio 2019
Maestra indagata per molestie: avrebbe baciato un alunno di 10 anni

Due baci, forse troppo vicini alle labbra, e alcuni sms teneri sul cellulare di un alunno di 10 anni hanno fatto finire nel registro indagati una maestra elementare di Vicenza, 40enne, accusata dalla Procura di tentata violenza sessuale su minorenne, nella forma delle molestie. Sono stati i genitori del ragazzo a trovare quei messaggini pieni di tenerezze e confidenze nello smartphone del figlio, e hanno deciso di denunciare la cosa.

La vicenda sarebbe avvenuta lo scorso anno scolastico, quando il giovane frequentava la quinta elementare. Adesso è alle scuole medie, e i due non si sono quindi più visti. La pm Barbara de Munari, valutati gli elementi, ha deciso di vederci chiaro, aprendo un fascicolo. Tuttavia né la Procura, né la scuola hanno preso alcun provvedimento nei confronti della maestra, una docente apprezzata dai colleghi e dai genitori degli altri scolari, e che avrebbe da sempre atteggiamenti affettuosi verso i suoi alunni. Quando però il padre e la madre del ragazzino hanno trovato definizioni come «amore mio» negli sms spediti dalla donna al figlio si sono preoccupati.

Messaggi troppo equivoci, hanno pensato, ed il sospetto si è aggravato vedendo che il figlio sembrava in imbarazzo quand'era al cospetto dell'insegnante. Hanno così cercato di capire cose succedesse a scuola e il ragazzo ha raccontato loro di aver ricevuto un paio di baci dalla maestra, secondo lui molti vicini alle labbra. Da qui è partita la denuncia ai Carabinieri, che con molta discrezione hanno iniziato ad indagare sull'ambiante scolastico, raccogliendo numerose testimonianze. La maestra ha negato ogni addebito e, spiegano i suoi legali, è molto turbata da questa storia.

Ha affidato la sua difesa agli avvocati Emanuele Fragasso e Michele Grigenti. «Credo che in questa vicenda si possa parlare di un rapporto insegnante-alunno assolutamente corretto - spiega Grigenti - al più un pò affettuoso, ma assolutamente privo di qualsiasi contenuto di natura sessuale». Il prossimo 27 giugno si terrà l'incidente probatorio nel corso del quale, con le forme protette previste dal codice di procedura, sarà ascoltata la testimonianza del ragazzino.

Ultimo aggiornamento: 31 Maggio, 11:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA