Franco Antonello, figlio sempre in coma dopo l'incidente: «Ha sbagliato ma non è un criminale»

Domenica 3 Novembre 2019
Franco Antonello, figlio sempre in coma dopo l'ncidente: «Ha sbagliato ma non è un criminale»

«Mio figlio non è un criminale», ripete papà Franco Antonello. «Come si può bollare come delinquente un ragazzo di 19 anni per una canna?», si dispera. Il figlio Alberto Antonello è ancora in coma dopo l'incidente in cui ha perso la vita la fidanzata di 18 anni, Giulia Zandarin. «Adesso è Andrea che mi rincuora per la tragedia». Il figlio più grande di Franco Antonello, il ragazzo autistico con cui l'imprenditore fece un viaggio avventuoroso che è diventato un libro e poi un film, “Tutto il mio folle amore”, di Gabriele Salvatores, presentato all'ultima Mostra del cinema di Venezia, uscito al cinema il 24 ottobre.   

Adesso Franco si dispera per Alberto e lo difende. «Come si può dimenticare tutto ciò che di buono ha fatto mio figlio fino a questo momento per un errore, per un colpo di sonno?», lo sfogo di papà Franco raccolto da un cronista del Mattino di Padova. «Non si può distruggere un ragazzo per una canna. Venerdì ci eravamo abbracciati e mi aveva detto: tranquillo, papà, vado piano». «Pensate forse che la morte non sia una punizione sufficiente anche per noi? Giulia era un membro della nostra famiglia - spiega - Abitava con Alberto da qualche mese, erano lì a pochi metri da casa mia. Non ci posso credere, non mi do pace». Alberto è «la rivincita della mia vita», racconta, «qualche problema c'è stato in passato, gli adolescenti sono ribelli. Da qualche anno però le cose erano cambiate. Lui si è preso sulle spalle la nostra attività, lavorava da mattina a sera. E anche con il fratello Andrea il rapporto è molto diverso rispetto a prima».

Incidente dopo la discoteca, in coma il figlio di Franco Antonello: ispirò il film di Salvatores

Un rapprto sofferto, quello con il fratello Andrea. «Alberto ha sempre sofferto la diversità di suo fratello - aggiunge il papà del 19enne - Si vergognava. Ora però è cambiato tutto. Vanno via insieme, certe notti dormono insieme. Il mio cuore si riempie di soddisfazione e amore, nel vederli finalmente uniti come due fratelli dovrebbero essere». «Quando succedono disgrazie come questa si scatena sempre una ridda di voci - afferma - Io sento il paese, percepisco l'opinione prevalente sui social, ho visto i giornali. Per mezzo grammo di erba si butta dal precipizio un ragazzo che ha commesso un errore. Fatale, certo, e il tempo non potrà mai cancellare questo dolore. Ma è pur sempre un errore. Spero che un giorno si sappia la verità, che quel maledetto incidente è successo per via di un colpo di sonno e non a causa della droga - conclude - Ora però voglio pensare solo a lui. E a Giulia».

"Tutto il mio folle amore", a Venezia il nuovo film di Gabriele Salvatores

Alberto adesso sta lottando in rianimazione nell'ospedale dell'Angelo di Mestre. L'auto che guidava è finita in un fossato, a Musile di Piave, nel veneziano. Qualche ora prima durante un controllo gli agenti della polizia l'avevano trovato con una piccola quantità di hashish, sufficiente per far scattare il sequestro della patente di guida. Gli era stato consegnato un permesso temporaneo per tornare a casa. Ma era la notte di Halloween, prima di rientrare a Castelfranco, Giulia e Alberto decidono di andare al King's. Sono quasi le 3. Ballano e bevono fino alle 5, infine il viaggio di ritorno e lo schianto sull'albero a Musil.

Franco è distrutto. Piange per il figlio e per Giulia. E fa impressione, a chi gli sta intorno, vederlo così fragile e smarrito,  lui che ha sempre dimostrato una forza e un coraggio  fuori dal comune. La sua storia ha fatto il giro del mondo. Franco, imprenditore di Castelfranco, che ha mollato tutto per dedicarsi al figlio autistico ispirando il romanzo di Fulvio Ervas Se ti abbraccio non aver paura”, da cui è stato tratto il film. 
 

 

«La storia che voglio raccontarti - disse Franco all'autore - ha la forza della vita vera e la bellezza di un sogno».  Andrea aveva due anni e mezzo quando gli fu diagnosticata la malattia. Il padre decise di cambiare vita e di partire con il figlio per imparare a comunicare con lui. Un viaggio on the road, attraversando l'America su una Harley Davidson. Poi le foreste il Messico, il Guatemala. «Una sfida nella sfida - si legge nel libro - siamo in movimento, non aspettiamo che la vita ci scarichi a una fermata». Nel 2005 Franco fonda l'associazione "I bambini delle fate", che attiva e finanzia progetti di inclusione sociale per piccoli e ragazzi con autismo e disabilità. 

Adesso una nuova battaglia, forse la più difficile. Andrea, cha adesso ha 25 anni e segue il padre nel lavoro della fondazione, ha partecipato alla stesura dei due libri e a quella del film, è accanto a Franco e lo accompagna in queste ore di attesa e di dolore.

 

Ultimo aggiornamento: 4 Novembre, 07:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA