Grant Wahl, morto giornalista americano in Qatar durante la partita dei Mondiali Olanda-Argentina. Aveva indossato la maglia arcobaleno

I media statunitensi parlano di infarto in tribuna stampa ma il fratello non ci sta e attacca: «Stava bene, è stato ucciso»

Grant Wahl, morto giornalista americano in Qatar durante Olanda-Argentina. Aveva indossato la maglia arcobaleno
Grant Wahl, morto giornalista americano in Qatar durante Olanda-Argentina. Aveva indossato la maglia arcobaleno
6 Minuti di Lettura
Sabato 10 Dicembre 2022, 06:21 - Ultimo aggiornamento: 14:49

Grant Wahl, giornalista di calcio americano, è morto a Doha in Qatar mentre seguiva allo stadio il quarto di finale dei Mondiali tra Olanda e Argentina. Secondo le prime informazioni avrebbe avuto un infarto in tribuna stampa ma le circostanze intorno alla sua morte non sono ancora chiare. Wahl, 48 anni, aveva fatto notizia nelle scorse settimane perché gli era stato negato l'accesso alla prima partita del girone degli Stati Uniti il 21 novembre scorso perché aveva indossato una maglietta arcobaleno. La Cbs parla di un attacco di cuore come causa della morte. Aveva lavorato per la rivista Sports Illustrated come esperto di calcio prima di entrare a far parte di CBS Sports nel 2021. Wahl era sposato con un medico, Celine Gounder, nota specialista in malattie infettive apparsa più volte in televisione durante la pandemia di Covid-19. Wahl era stato trattenuto il 21 novembre dal personale di sicurezza in Qatar perché - come da lui stesso reso noto su Twitter - aveva indossato una maglietta arcobaleno alla partita tra Stati Uniti e Galles, per sostenere i diritti LGBT+.

Germania fuori dal Mondiale, sfottò nella tv qatariota: tedeschi salutati con la mano davanti alla bocca

Il giallo della morte di Gran Wahl

«L’intera famiglia del calcio statunitense ha il cuore spezzato nell’apprendere che abbiamo perso Grant Wahl», ha dichiarato la federazione degli Stati Uniti in un comunicato. «Gli appassionati di calcio e di giornalismo di altissima qualità sapevano che avremmo sempre potuto contare su di lui», conclude la nota. Sul suo podcast la settimana scorsa aveva detto di avere la bronchite. I media statunitensi seduti vicino a lui hanno detto che Wahl è caduto all'indietro nella tribuna stampa del Lusail Iconic Stadium durante i tempi supplementari e i giornalisti accanto a lui hanno chiesto assistenza. Wahl stava coprendo la sua ottava Coppa del Mondo. Lunedì ha scritto sul suo sito web di aver visitato una clinica medica mentre si trovava in Qatar. «Il mio corpo alla fine si è ribellato. Tre settimane di poco sonno, stress elevato e molto lavoro possono farti questo», aveva scritto Wahl. «Quello che era stato un raffreddore, negli ultimi dieci giorni si è trasformato in qualcosa di più grave nella notte della partita Usa-Olanda, e potevo sentire la parte superiore del torace assumere un nuovo livello di pressione e disagio. Non avevo il Covid (faccio il test regolarmente qui), ma sono andato all'ambulatorio medico del centro media e mi hanno detto che probabilmente ho la bronchite. Mi hanno dato un ciclo di antibiotici e dello sciroppo per la tosse pesant , e mi sento già un po' meglio solo poche ore dopo. Ma ancora "no bueno"». Nel suo ultimo podcast di giovedì, Wahl ha detto di aver avuto un caso di bronchite e ha visitato di nuovo la clinica medica. «Spero di non tossire durante questo podcast. Sto tossendo molto. Tutti tossiscono qui in questo modo, non sono solo io. Tanti giornalisti hanno una tosse pazzesca, a volte suona come un rantolo di morte», aveva raccontato.

«L'unica cosa che mi sorprende in realtà è che non c'è molto Covid nonostante abbia pensato che potesse esserci un vero problema di virus. Non stiamo davvero vedendo casi Covid. Stiamo solo vedendo un sacco di malattia generale, tosse, raffreddori».

Durante la Coppa del Mondo, Wahl ha attirato l'attenzione internazionale dopo aver affermato che gli è stato impedito di partecipare alla partita degli Stati Uniti contro il Galles il 21 novembre per aver indossato una maglietta color arcobaleno a sostegno della comunità LGBTQIA+, i cui diritti sono costantemente violati in Qatar. Wahl aveva scritto di essere stato trattenuto per 25 minuti allo stadio Ahmed Bin Ali di Al Rayyan, poi è stato rilasciato da un comandante della sicurezza. Successivamente la Fifa si è scusata con lui. A fare rumore sono le parole del fratello, che sui social ha diffuso un video in lacrime in cui dice che «Grant stava bene e non è morto, è stato ucciso».

 

La carriera

Laureato nel 1996 a Princeton, Wahl ha lavorato per Sports Illustrated dal 1996 al 2021, coprendo calcio e del basket universitario. Poi ha lanciato il suo sito web. Wahl ha anche lavorato per Fox Sports dal 2012 al 2019. Lascia sua moglie, la dottoressa Celine Gounder, professore associato di medicina presso la New York University School of Medicine, medico curante presso il Bellevue Hospital Center e collaboratore di notizie mediche di CBS News.

Gounder ha twittato venerdì sera che era «completamente scioccata» e ha ringraziato tutti per il loro sostegno a suo marito. Il portavoce del Dipartimento di Stato americano Ned Price ha dichiarato in un tweet che gli Stati Uniti sono «impegnati con alti funzionari del Qatar per fare in modo che i desideri della sua famiglia siano soddisfatti il ​​più rapidamente possibile». Sports Illustrated ha rilasciato una dichiarazione attraverso i co-redattori capo Ryan Hunt e Stephen Cannella in cui si sono detti «scioccati e devastati dalla notizia della morte di Grant».

«Siamo stati orgogliosi di definirlo collega e amico per due decenni: nessun giornalista nella storia di SI è stato più appassionato dello sport che amava e delle storie che voleva raccontare», si legge nella dichiarazione. «I nostri cuori vanno a Celine e alla sua famiglia, così come a tutti coloro che hanno amato il suo lavoro. Farà sempre parte della famiglia SI».

© RIPRODUZIONE RISERVATA