Flat Tax, per i dipendenti l'Irpef pesa l'800% in più: così cambiano redditi e tasse

Lo studio: squilibrio evidente sia nelle fasce più alte sia in quelle più basse

Flat Tax, per i dipendenti l'Irpef pesa l'800% in più: così cambiano redditi e tasse
Flat Tax, per i dipendenti l'Irpef pesa l'800% in più: così cambiano redditi e tasse
di Mario Landi
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 7 Dicembre 2022, 08:07 - Ultimo aggiornamento: 08:23

La Flat Tax? Una tassa piatta ma non equa che fa sì che su dipendenti e pensionati pesi la quasi totalità dell'Irpef versata nel paese, il 96%, e che può provocare profondi squlibri fiscali con uno scarto di imposta perfino dell'800% paragonando un autonomo con un fatturato da 85 mila euro e un dipendente con lo stesso reddito. La Uil va all'attacco contro l'imposta forfettaria con uno studio del servizio politiche fiscali secondo il quale in pratica un lavoratore autonomo verserebbe fino a 27 mila euro di Irpef in meno ogni anno rispetto ad un dipendente con lo stesso reddito. In dettaglio, secondo i dati del Mef relativi alle dichiarazioni del 2020, i dipendenti hanno versato il 61,1% del totale dell'Irpef netta, mentre i pensionati ne hanno versato il 35,2%, il 96,3% del totale, appunto. Lo studio della Uil è realizzato analizzando l'imposta sostitutiva al 15% rispetto al fatturato e rispetto al reddito imponibile dopo l'applicazione dei coefficienti di redditività per gli autonomi e lo sconto sulla contribuzione, ovvero quei parametri che si basano sui costi che devono sostenere gli autonomi per l'esercizio delle loro attività e che variano in base al settore. Lo squilibrio è evidente sia nelle fasce più alte che in quelle più basse.

Così ad esempio un lavoratore autonomo che lavori nel settore immobiliare e delle costruzioni con un reddito imponibile di 73.100 euro dopo aver applicato i coefficenti di redditività, pagherà un'imposta di 8.224 euro a fronte dei 25.275 euro di un lavoratore dipendente (il 34,58%) e dei 25.365 di un pensionato (il 34,70%). Meno della metà pagherà un ambulante del settore non alimentare con un reddito di 45.900 con 5.164 a fronte della spesa a pari reddito di 12.801 per un dipendente (il 27,89%) e di 13.226 (il 28,82%) per un pensionato.

E così via fino al caso limite usato dal sindacato di una differenza dell'804% calcolata però sull'Irpef pagata da un autonomo nel settore commercio alimentari e bevande con 85.000 di fatturato, cioè 3.825 euro di imposta netta e dipendenti e pensionati con lo stesso reddito: rispettivamente 30.766 e 30.906 euro. «Uno stato democratico deve fondarsi su un fisco equo e progressivo così come previsto dalla nostra Costituzione», sottolinea il segretario generale Domenico Proietti ribadendo la necessità di una battaglia vera contro l'evasione che ogni anno «sottrae ai cittadini oltre 100 miliardi di euro, l'equivalente di 3 leggi di bilancio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA