Caso Orlandi, migliaia di resti ritrovati negli ossari del Cimitero Teutonico. La famiglia: potrebbero esserci quelli di Emanuela

Caso Orlandi, migliaia di resti ritrovati negli ossari del Cimitero Teutonico
Esperti medico-legali al lavoro in due ossari sotterranei in Vaticano, nel quadro delle attività istruttorie delle autorità d'Oltretevere sul caso di Emanuela Orlandi. Si sono svolte oggi dalle 9.00 alle 15.00 le operazioni al Campo Santo Teutonico, che, come indicato nel decreto del promotore di giustizia vaticano, Gian Piero Milano, hanno riguardato due ossari individuati in un'area attigua alle tombe delle principesse tedesche Sophie von Hohenlohe e Carlotta Federica di Mecklenburgo: i due sepolcri, nell'ispezione dell'11 luglio scorso, richiesta dalla famiglia dopo una segnalazione anonima sulla possibile presenza dei resti di Emanuela Orlandi, erano stati ritrovati vuoti.

Emanuela Orlandi, via agli esami dei materiali ossei trovati nel cimitero Teutonico
Caso Orlandi, aperti anche gli ossari del cimitero teutonico


Il prof. Giovanni Arcudi, docente di Medicina legale all'Università di Tor Vergata, e il suo staff - alla presenza del perito di fiducia della famiglia Orlandi - hanno portato alla luce i resti presenti negli ossari e li hanno analizzati e studiati già 'in locò, sottoponendoli ad una prima valutazione, «secondo protocolli riconosciuti a livello internazionale», ha detto il portavoce vaticano Alessandro Gisotti. Sempre secondo quanto disposto dal promotore di giustizia, le operazioni proseguiranno sabato prossimo, 27 luglio, alle 9.00, «con un'approfondita analisi morfologica dei reperti contenuti negli ossari». Difficile dire quanto potrà durare questa fase peritale. «Non è possibile prevedere, al momento, i tempi di durata per concludere tali operazioni al fine di completare l'analisi morfologica dei resti ritrovati negli ossari», ha spiegato in mattinata Gisotti.
 
 


Se nelle due tombe non sono stati trovati i resti della quindicenne romana scomparsa il 22 giugno 1983 - come già avvenuto il 14 maggio 2012 all'apertura della tomba del boss della Magliana 'Renatinò De Pedis nella basilica romana di Sant'Apollinare, mentre esito ugualmente negativo ha dato l'analisi delle ossa rinvenute nell'ottobre scorso sotto un pavimento alla Nunziatura apostolica in Italia, in Via Po -, le autorità della Santa Sede vogliono che non si parli di «giallo» anche per l'assenza dei corpi delle due principesse, vissute due secoli fa, visto che le tombe subirono una ristrutturazione negli anni '60 e i resti magari furono traslati altrove. La perizia sui reperti trovati nei due ossari attigui, comunque, dovrà rispondere alle domande ancora aperte. «Con questa nuova attività peritale - dopo le operazioni dell'11 luglio scorso - si evidenzia ancora una volta la disponibilità della Santa Sede verso la famiglia Orlandi. Disponibilità dimostrata, fin dall'inizio, nell'accogliere la richiesta di verifiche nel Campo Santo Teutonico pur sulla base di una mera segnalazione anonima», ha commentato Gisotti. Alle operazioni di oggi, oltre ad Arcudi e al suo staff, hanno partecipato il personale della Fabbrica di San Pietro per l'apertura e chiusura degli ossari e quello del Centro Operativo di Sicurezza (Cos) della Gendarmeria vaticana. Presenti il pg Milano e il suo aggiunto Alessandro Diddi, il legale della famiglia Orlandi, l'ufficiale responsabile del servizio di polizia giudiziaria del Corpo della Gendarmeria.
 



 
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Sabato 20 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento: 22-07-2019 16:14
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti