Dpcm, tamponi nelle farmacie e aiuti ad artigiani e professionisti in quarantena. Le proposte Regioni-governo

Sabato 17 Ottobre 2020 di Rosario Dimito
Dpcm, tamponi nelle farmacie e aiuti ad artigiani e professionisti in quarantena. Le proposte Regioni-governo

Possibilità di fare il tampone, screening e test salivare presso le farmacie. Rimodulare gli ingressi e le uscite delle scuole, prevendo una più ampia fascia oraria che consentirebbe di non congestionare il trasporto pubblico, soluzione condivisa dal Cts. Ricorso alla didattica integrata per le scuole secondarie di secondo grado, con particolare riferimento al triennio delle superiori. Innalzamento della percentuale di ricorso allo smart working (pari o superiore al 70%) per tutti i lavoratori, a partire da quelli pubblici.

 

​Cartelle esattoriali, è braccio di ferro. Assunzione per 30 mila medici

Covid, il Cts: «Ingressi scaglionati in superiori e università». I presidi: «Mancano prof e bidelli»

 

 

 

Sono alcune delle proposte condivise dalle Regioni e dalle Province autonome per l’adozione del prossimo Dpcm, maturate nel corso dell’incontro della mattinata di venerdì 17 fra Regioni e governo. Nella mattinata di sabato 18, le regioni incontrano i ministri Boccia, Speranza, Azzolina, e Manfredi per gli ultimi ritocchi al Dpcm. Nel documento riservato che Il Messaggero è in grado di rivelare, viene apprezzato il metodo proposto con «la distinzione fra attività più o meno cruciali per la tenuta, in questa fase, del sistema Paese. Tra quelle irrinunciabili si collocano la scuola e il lavoro/produzione, che vanno pertanto tutelate in via prioritaria. Nella seconda categoria - si legge - rientrano tutti i luoghi e le attività dove il distanziamento sia più difficile e non sia garantito l’uso dei dispositivi e il rispetto delle regole di sicurezza anti-contagio, segnatamente per l’assenza di organizzazione e gestione (movida), per il contatto (determinate attività sportive), o per gli inevitabili assembramenti.

 

Covid, bollettino oggi 17 ottobre: 10.925 nuovi contagi e 47 morti. Allarme Lombardia e Campania. Terapie intensive +67

Covid Italia, il bollettino di oggi 17 ottobre 2020. Sono 10.925 i nuovi casi di coronavirus in Italia. I decessi registrati nelle ultime 24 ore sono 47. Su quasi 28 mila tamponi, vero e proprio record, oggi nel Lazio si registrano 994 casi positivi (il dato tiene conto di 200 recuperi di notifiche della Asl Roma 2 e della Asl di Frosinone), 12 i decessi e 62 i guariti.


 

 

 

Ultimo aggiornamento: 18 Ottobre, 15:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA