Alberto Angela, il discorso ai funerali del padre:«Mi ha insegnato a non aver paura della morte»

«Mi è sembrato a volte di avere Leonardo da Vinci in casa. Aveva una capacità di sintesi e analisi che metteva tutti d'accordo. Amava questo aforisma: "Siccome una giornata lieta dà lieto dormire, una vita ben usata dà lieto morire"»

Funerali Piero Angela, il discorso del figlio Alberto:«Mi ha insegnato a non aver paura della morte»
Funerali Piero Angela, il discorso del figlio Alberto:«Mi ha insegnato a non aver paura della morte»
3 Minuti di Lettura
Martedì 16 Agosto 2022, 18:56

Il discorso di Alberto ai funerali del padre Piero Angela che si sono tenuti oggi in Campidoglio, a Roma, nella sala della Promoteca. «Non è facile per me questo discorso. Sono abitutato ad andare a braccio. Un discorso difficile. Le persone che amiano non dovrebbero mai lasciarci - ha esordito il figlio Alberto -. Vorrei partire dall'ultimo comunicato di papà. Quelle sono state le sue ultime parole. Un discorso non ufficiale, come qualcuno che parla agli amici».

 

Piero Angela, il discorso di Alberto ai funerali

«Siamo rimasti colpiti dal ritorno social della notizia - prosegue Alberto -, da quante persone lo amassero. Il sentimento è qualcosa che rimane. E i valori sono eterni. Ci ha insegnato attraverso trasmissioni, libri e programmi televisivi».

L'ultimo insegnamento

«L'ultimo insegnamento me l'ha fatto non con le parole - indica il figlio -, ma con l'esempio. Questi ultimi giorni mi ha insegnato a non aver paura della morte. Quando ha saputo che era venuto il suo tempo, ha concluso tutte le trasmissioni che aveva in programma, ha inciso l'ultimo disco jazz. Una forza incredibile. Non ho mai visto qualcosa del genere. Aveva un approccio razionale e scientifico alla vita, per questo gli è stato possibile».

Il paragone con Leonardo da Vinci e l'aforisma

«Mi è sembrato a volte di avere Leonardo da Vinci in casa. Aveva una capacità di sintesi e analisi che metteva tutti d'accordo. Amava questo aforisma: "Siccome una giornata lieta dà lieto dormire, una vita ben usata dà lieto morire"».

L'esempio per il futuro

«Mio padre è un esempio per i ragazzi che cercano l'eccellenza - conclude Alberto -. Sarà vivo in tutte le persone che cercano di unire e non disunire, che cercano la curiosità e la bellezza della natura. Che cercano di assaporare la vita. Era una persona con grande umorismo, capace di mettersi a suonare il pianoforte. Era bravo anche nel disegno. Cercherò anche io di fare la mia parte». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA