Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Dieta emozionale, il menù che placa la fame nervosa: ecco i 7 alimenti che saziano in fretta (e non fanno ingrassare)

Per noia, per stress, per ansia e agitazione… (e chissà per quali altri motivi) si cerca conforto nel cibo. Ma attenzione agli snack veloci

EMBED

Mente e corpo sono strettamente collegati. Lo sappiamo bene e la fame nervosa è una di quelle condizioni che lo dimostra perfettamente. Capita di attraversare giorni in cui, per un motivo o per l’altro, ci si senta irrequieti e uno dei primi istinti è quello di buttarsi sul cibo. E capita altrettanto spesso di trovare conforto in spuntini dolci o salati per placare le nostre emozioni perché come si sa nelle situazioni di stress il cibo rimane un rifugio "sicuro". Ma la realtà è ben diversa. Se il cibo serve per placare e trovare conforto da possibili emozioni negative è molto importante andare alla ricerca della strada ideale per contrastare questi sentimenti negativi. Mandare al'aria tutti i sacrifici fatti tra dieta e allenamenti proprio prima della prova costume sarebbe uno spreco. Ecco perché è importante sapere come fronteggiare il problema e prediligire una Dieta emozionale studiata appositamente per compensare i momenti difficili.

Dieta emozionale, il menù che placa la fame nervosa

La spiegazione alla fame nervosa o emotiva è da ricercare nella biochimica: sotto stress l’organismo produce noradrenalina, una sostanza che stimola l’appetito; proprio per tenere a bada quest’ultimo, la dieta emotiva cerca di stabilizzare l’umore, rimettendo in equilibrio i livelli di alcune sostanze nel sangue. Fondamentale inoltre per ristabilire il proprio equilibrio è agevolare uno stile di vita che si basi su una normale sequenza di sonno e veglia, e praticare attività fisica, in modo da produrre endorfine, delle sostanze naturali in grado di migliorare l’umore e contrastare lo stress.

Come aiutare l'ormone della felicità

Uno dei punti forti della dieta emotiva è quello di consumare degli alimenti in grado di innalzare i livelli di serotonina, alias “ormone della felicità”, nel sangue, e quindi frutta, verdura, ma anche noci e burro di arachidi, ma anche i carboidrati soprattutto nella versione integrale e senza condimenti eccessivi. Via libera al riso, in particolare nella varietà carnaroli e basmati, perché regalano una sensazione di sazietà prolungata, e alle zuppe e ai minestroni di verdure.

Passando ai secondi invece è consigliato il pesce, la carne bianca (la rossa solo una volta a settimana) e formaggi freschi e yogurt. Sono alleate anche le erbe curative, da poter consumare sotto forma di tisane.

Gli snack "amici" che saziano in fretta

Questo è quanto prescritto nella dieta emozionale che potrebbe placare la fame nervosa, ma il vero problema potrebbe rimanere quale cibo poter ingerire come snack lampo. E anche per questo c'è il rimedio. Esistono infatti degli alimenti che saziano all’istante.

Vediamo quali.

Frutta secca. Tra tutta in particolare è ideale consumare le mandorle, in quanto fonti di vitamina E, proteine e Omega 3. Le mandorle sono un ottimo snack per contrastare gli attacchi di fame nervosa soprattutto per le sue proprietà e sostanze nutritive. Si tratta inoltre di un alimento molto pratico e facile da portare con sé e tirar fuori all'occorenza.

Frutta. La frutta infatti oltre ad essere un buon alimento da assumere durante gli attacchi di fame nervosa rappresenta anche un alimento ricco di proprietà e di sostanze nutritive molto importanti essendo ricca anche di fibre. Nello specifico ottimi sono l'anguria, l'ananas e il cocco.

Le olive. Sono sfiziose e fresche. Le olive costituiscono l’alimento ideale in quanto si contraddistingue per l’elevato contenuto di grassi monoinsaturi e polinsaturi particolarmente efficaci per la salute. Inoltre è un alimento che contiene anche antiossidanti, utili come prevenzione all’invecchiamento.

Bresaola. C'è anche un salume nella lista: la bresaola. Piuttosto che optare quindi per un panino con il salame optate per la bresaola che corrisponde ad uno dei salumi con il minor contenuto di grassi.

Hummus. Ricco di proteine, fibre e grassi buoni per il tuo organismo, considerato anche il basso contenuto di carboidrati e zuccheri è un alimento ideale da poter consumare durante un attacco di fame nervosa. Inoltre si tratta di un alimento molto facile da preparare. 

Yogurt greco. È un ottimo spuntino ricco di proteine e in diversi casi si contraddistingue anche per un basso contenuto calorico.

Budino di mango. È freco, leggero, sfizioso e facile da preparare, il budino di mango potrebbe essere la soluzione per placare un attacco di fame dalle voglie dolci.

In generale comunque i cibi con molte fibre sono i più efficaci per contrastare e gestire la fame nervosa in quanto prolungano anche di molto il senso di sazietà.

Si sente ormai parlare spesso di emotional eating e cioè del trovare conforto nel cibo durante un momento di stress. Diventa quindi fondamentale imparare a conoscere le tue emozioni e a imparare a capire perché e cosa stai mangiando. 

Foto: Shutterstock Music: "Summer" from Bensound.com
Leggi anche: >> METABOLISMO LENTO, ATTENZIONE A QUESTO COMUNISSIMO ERRORE CHE NON CI FA PERDERE PESO