Covid, studio Usa: «Dalla perdita dell'olfatto al mal di testa fino alla vertigini, tutti i sintomi neurologici dei ricoverati»

Covid, ricerca Usa: «Dalla perdita dell'olfatto al mal di testa, ecco tutti i sintomi dei ricoverati»
Covid, ricerca Usa: «Dalla perdita dell'olfatto al mal di testa, ecco tutti i sintomi dei ricoverati»
di Michele Galvani
4 Minuti di Lettura
Lunedì 12 Ottobre 2020, 12:41 - Ultimo aggiornamento: 13 Ottobre, 19:24

La maggior parte dei pazienti ricoverati con Covid ha sintomi neurologici. Tra questi, vertigini e perdita dell'olfatto, ma anche mal di testa. Lo evidenzia un nuovo studio, secondo cui «l'alta frequenza e la gamma di manifestazioni neurologiche si sono verificate in più di quattro quinti dei pazienti con Covid-19 ospedalizzati», hanno scritto i ricercatori sulla rivista Annals of Clinical and Translational Neurology.

Covid, la guida aggiornata dei medici Usa: «Contagi facili tra chi fa sport e in ambienti chiusi, distanza minima 1,8 metri»

Lo studio includeva dati provenienti da cartelle cliniche su 509 pazienti con Covid-19 ricoverati in nove ospedali, tutti presenti nel sistema sanitario della medicina nell'area di Chicago tra marzo e aprile. Tra questi pazienti, circa un quarto di loro - il 26,3% - necessitava di ventilazione meccanica. I ricercatori, della Northwestern University Feinberg School of Medicine, hanno scoperto che il 42,2% dei pazienti aveva manifestazioni neurologiche della loro malattia Covid-19 quando hanno iniziato a manifestare i sintomi, già prima di andare in ospedale. Poi, nel momento in cui i pazienti erano abbastanza malati da essere ricoverati in ospedale, il 62,7% di loro aveva sintomi neurologici, secondo i dati diffusi in questi giorni.

Most patients hospitalized with Covid-19 have neurological symptoms, a new study suggests https://t.co/IoEr8KfnSc

Nel complesso, i ricercatori hanno scoperto che in qualsiasi momento con il coronavirus, l'82% dei pazienti presentava sintomi neurologici come mal di testa o encefalopatia, alterazione della funzione o della struttura cerebrale.

Le manifestazioni neurologiche più frequenti sono state:

Dolore muscolare, sperimentato dal 45% dei pazienti

Mal di testa, sperimentato dal 37,7% dei pazienti

Encefalopatia, sperimentata dal 32% dei pazienti

Vertigini, sperimentato dal 30% dei pazienti

Senso del gusto alterato, sperimentato dal 16% dei pazienti

Perdita dell'olfatto, riscontrata dall'11,4% dei pazienti.

I dati hanno poi mostrato che le persone con sintomi neurologici avevano anche una degenza ospedaliera più lunga - circa otto giorni contro cinque giorni - rispetto a quelli senza, e la quantità media di tempo in ospedale per quelli con encefalopatia in particolare era più di tre volte più lunga. I ricercatori hanno anche scoperto che i pazienti con sintomi neurologici tendevano ad essere i più giovani.

Covid, Lopalco: «La dittatura del tampone rischia di mandare in tilt il sistema»

Diabete, più gravi gli effetti del Covid: per proteggersi va tenuta in equilibrio la glicemia

«Il fatto che qualsiasi manifestazione neurologica nel suo insieme fosse più probabile nei giovani è sorprendente - si legge nella ricerca - e potrebbe essere potenzialmente spiegato da una maggiore enfasi clinica sul rischio di insufficienza respiratoria rispetto ad altri sintomi nei pazienti più anziani». Al contrario, «l'encefalopatia era più frequente nei pazienti più anziani». L'encefalopatia era anche associata ad un aumentato rischio di malattia grave e morte, indipendentemente da quanto fosse grave il Covid-19 di un paziente. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA