Vaccino, quarta dose per tutti. L'Ema frena: richiamo booster (forse) solo per i fragili

Vaccino, quarta dose per tutti. L'Ema frena: richiamo booster (forse) solo per i fragili
3 Minuti di Lettura
Sabato 5 Febbraio 2022, 19:23 - Ultimo aggiornamento: 23:53

Incognita quarta dose. Al momento non vi è alcuna certezza. E mentre il governo italiano ha deciso per il green pass illimitato per i vaccinati o guariti dal virus, i contagi della quarta ondata iniziano a calare. Che sia la coda della pandemia da virus Sars Cov-2? Lo dice l’Organizzazione mondiale della sanità che parla di un «lungo periodo di tranquillità» che potrebbe essere il preludio della fine della pandemia. Questo, grazie a tre ingredienti di questa ricetta: l’alta percentuale di persone vaccinate, la variante Omicron meno aggressiva delle precedenti, la fine dell’inverno. Il direttore regionale dell'Oms Hans Kluge ha parlato di un «cessate il fuoco che potrebbe portarci ad una pace duratura» con la Covid-19, anche perché nel frattempo va tenuto in considerazione il «grande capitale accumulato in termini di immunità naturale e derivata dal vaccino».

Super Green pass: dal 7 febbraio sarà illimitato. Ecco come ottenerlo anche per chi è stato contagiato

Quarta dose sì o no?

La situazione è fluida, ma si va delineando uno scenario in cui potrebbe essere destinata solo ai più fragili. Dopo le campagne avviate in Danimarca, Ungheria e Spagna, in Germania la commissione specializzata sui vaccini Stiko ha consigliato il secondo booster per i più esposti: gli ultrasettantenni che vivono in case di cura, le persone con il sistema immunitario debole e il personale medico che ha contatti con fasce a rischio.

Covid, in Puglia 6.269 nuovi positivi e 8 morti. Bari e Lecce le province con più casi

«Attualmente le prove sono insufficienti per sostenere una raccomandazione di una seconda dose di richiamo del vaccino anti covid sulla popolazione generale. Per le persone gravemente immunocompromesse che ricevono una serie primaria di 3 dosi di vaccino a mRna una quarta dose sarebbe il primo richiamo per loro e, in quanto tale, è invece già raccomandata», ha dichiarato il capo della strategia vaccinale dell'agenzia europea del farmaco (Ema), Marco Cavaleri, durante la conferenza settimanale dell'agenzia.

La ricetta di Israele

Intanto Israele è il primo Paese al mondo a somministrare la quarta dose che ha deciso che la fornirà agli over 18 ma solo a quelli le cui condizioni mediche lo richiedano o che siano a grande rischio per gli effetti del virus. Sarà dunque somministrato in casi specifici e solo a distanza di almeno 4 mesi dalla terza dose. Prima di ora, la quarta iniezione in Israele era riservata agli over 60: ad oggi sono oltre 600mila le persone che l’hanno avuta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA