Covid Italia, bollettino oggi 4 gennaio: 10.800 nuovi casi e 348 morti, netto calo dei tamponi

Lunedì 4 Gennaio 2021
Covid Italia, bollettino oggi 4 gennaio: 10.800 nuovi casi e 348 morti

Covid Italia, il bollettino di oggi 4 gennaio 2021. Sono 10.800 i nuovi casi di coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore, in calo rispetto a ieri quando ne sono stati segnalati 14.245. Le vittime sono invece 348 (ieri erano 347). Lo rende noto il nuovo bollettino del ministero della Salute. Netto calo dei tamponi a quota 77.993. È invariato rispetto a ieri il tasso di positività al Covid in Italia, fermo al 13,8%. Il maggiore incremento dei casi è in Veneto (+1.682 nuovi contagi), seguito da Emilia Romagna (+1.600) e Sicilia (+1.391).

Covid, follia in Florida: balli, feste in spiaggia e in piscina, zero distanziamenti. E i contagi aumentano

Diminuiscono i pazienti ricoverati in terapia intensiva per coronavirus in Italia: sono 4 in meno rispetto a ieri nel saldo fra entrate e uscite, con 136 nuovi ingressi registrati oggi. I malati attualmente ricoverati in terapia intensiva sono 2.579, contro i 2.583 di ieri. Nei reparti ci sono invece 23.317 persone, 242 in più di ieri. Aumentano i guariti o dimessi, 16.206, per un totale da inizio pandemia di 1.520.106. Le vittime arrivano invece a quota 75.680. Sono 16.206 i guariti per un totale di 1.520.106 da inizio pandemia, mentre calano gli attualmente positivi a 570.458 (-5.756).

SCARICA QUI IL BOLLETTINO

 

I dati delle Regioni

 

Veneto

Rallenta ma non si arresta la crescita dei positivi al Covid, in Veneto, nelle ultime 24 ore toccando le 1.686 unità. Cresce anche il numero di morti con 50 decessi. Secondo il rapporto della Regione Veneto da inizio pandemia i positivi totali sono 266.946, mentre i morti 6.813. Il totale dei ricoverati è di 2.706 persone (+18) mentre nelle terapie intensive sono in cura 368 persone (+3).

 

Emilia Romagna

Scende ancora la quota dei contagi giornalieri in Emilia-Romagna, ma aumentano i ricoveri per coronavirus e in regione ci sono altre 54 vittime legate al Covid-19. È il bilancio del bollettino quotidiano della Regione. Si registrano 1.600 casi di positività in più rispetto a ieri su un totale di 9.133 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. Età media 46 anni, Reggio Emilia provincia in testa con 227 casi, poi Bologna (202 + 56 Imola) e Modena (189). Sempre da ieri, sono stati effettuati anche 7.812 tamponi rapidi. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 235 (uno in più rispetto a ieri), 2.684 negli altri reparti Covid (+27). Sale il numero delle vittime in regione: altre 54 persone sono morte e Bologna è la provincia che paga il tributo più alto oggi: conta 21 vittime tra cui anche due uomini di 47 e 57 anni. In totale, dall'inizio dell'epidemia i decessi in Emilia- Romagna sono stati 7.941.

 

Lazio

Oggi su quasi 10mila tamponi nel Lazio (-2.223) si registrano 1.334 casi positivi (-347), 23 morti (-1) e +1.387 guariti. Diminuiscono contagi e decessi, mentre aumentano ricoveri e terapie intensive. Il rapporto tra positivi e tamponi è al 13%. I casi a Roma sono a quota 518.

LEGGI ANCHE Covid Lazio, bollettino oggi 4 gennaio: 1.334 casi (518 a Roma) e 23 morti. Aumentano ricoveri e terapie intensive

 

 

Lombardia

Con 8.161 tamponi effettuati, sono 863 i tamponi positivi registrati in Lombardia, con una percentuale al 10.5%. Sono 485 i pazienti in terapia intensiva, cinque meno di ieri, mentre 3.227 quelli ricoverati negli altri reparti (-40). Sono 27 i decessi, il che porta il totale complessivo a 25.344. Per quanto riguarda le Province, sono 243 i casi segnalati a Milano, di cui 89 in città, 302 a Brescia, 73 a Monza, 66 a Mantova, 38 a Bergamo, 37 a Como, 29 a Pavia, 21 a Lecco, 18 a Cremona, 14 a Varese, 9 a Lodi e nessuno a Sondrio.

 

Sardegna

Curva dei contagi in lieve calo in Sardegna: nell'ultimo aggiornamento dell'Unità di crisi regionale sono stati rilevati 177 casi di positività al Covid su 1.846 tamponi (ieri erano stati 194 su 1.574 test). Sale così a 32.038 il numero dei casi complessivamente accertati in Sardegna dall'inizio dell'emergenza. Si registrano anche quattro morti (768 in tutto), due donne e due uomini tra 62 e 94 anni, due residenti della provincia del Sud Sardegna e due rispettivamente della Città Metropolitana di Cagliari e provincia di Sassari. Sono 489, invece, i pazienti attualmente ricoverati in ospedale in reparti non intensivi (+16), mentre è stabile a 43 il numero dei pazienti in terapia intensiva. Le persone in isolamento domiciliare sono 16.194. Il dato progressivo dei casi positivi comprende 14.246 (+210) pazienti guariti, più altri 298 guariti clinicamente. Sul territorio, dei 32.038 casi positivi complessivamente accertati, 7.224 (+82) sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 5.260 (+26) nel Sud Sardegna, 2.553 a Oristano, 6.393 (+22) a Nuoro, 10.608 (+47) a Sassari.

 

Abruzzo

Sono 121 i nuovi casi di coronavirus accertati nelle ultime ore in Abruzzo. Sono emersi dall'analisi di 1.065 tamponi: è risultato positivo l'11,36% dei test. Nonostante i pochi tamponi eseguiti, la percentuale è in crescita rispetto alla media delle scorse settimane. Nove i decessi recenti: il bilancio delle vittime sale a 1.240. In rapido aumento i ricoveri, che passano dai 486 di ieri ai 505 di oggi, tornando a valori analoghi a quelli registrati nei giorni precedenti al Natale. Dei nuovi positivi il più giovane ha un mese e il più anziano 100 anni. Quelli con età inferiore ai 19 anni sono 23: uno in provincia dell'Aquila, quattro in provincia di Pescara, cinque in provincia di Chieti e 13 in provincia di Teramo.

I nove decessi, tre dei quali relativi ai giorni scorsi e comunicati solo oggi dalle Asl, riguardano persone di età compresa tra 71 e 88 anni: quattro in provincia dell'Aquila, due in provincia di Chieti, due in provincia di Pescara e uno in provincia di Teramo. Gli attualmente positivi al virus sono 218 in meno e scendono a quota 11.205: 466 pazienti (+21 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in terapia non intensiva e 39 (-2, con 3 nuovi ricoveri) in terapia intensiva, mentre gli altri 10.700 (-237) sono in isolamento domiciliare. I guariti sono 330 (totale 23.629). A livello territoriale, l'incremento più consistente si registra in provincia di Teramo (+57), seguito dal Chietino (+37), dall'Aquilano (+18) e dal Pescarese (+6). Il totale regionale dei casi sale a 36.074.

Ultimo aggiornamento: 21:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA