Cosa succede se non mi vaccino? Rasi: «Obbligo vaccinale a settembre e limitazioni senza Green Pass»

Martedì 8 Giugno 2021
Cosa succede se non mi vaccino? «Green Pass limitato e obbligo vaccinale a settembre»: l'idea di Rasi per convincere gli indecisi

Guido Rasi, ex direttore esecutivo dell'Ema e ora consulente del commissario per l'emergenza coronavirus, ha le idee chiare su come coinvolgere gli indecisi e gli esitanti sul vaccino anti-Covid. Per Rasi è necessario potenziare il piano di comunicazione istituzionale. «Questo è il momento in cui fare una campagna anche sui social», puntando soprattutto ai più giovani, alla «fascia dei 30enni che è quella meno convinta a vaccinarsi e quella più a rischio contagio per la importante vita sociale che fa. Con i no vax penso invece ci sia poco da fare», spiega in un'intervista su Il Sole 24 Ore, senza escludere la via dell'obbligo da valutare più in là. E poi, dice, «serve un incentivo soprattutto per la fascia d'età più giovane». Quale? «Userei in modo più perentorio il Green pass, senza il quale precluderei alcune cose: dai voli aerei ad alcune attività ludiche come i concerti o le partite di calcio, ma anche i ristoranti», spiega il microbiologo all'università di Tor Vergata.

L'epidemiologa Bietta: «Varianti più diffuse per le bugie. Arginate nonostante la reticenza della popolazione»

«Per metà luglio chi vuole potrà avere il vaccino e quindi magari si potrebbero consentire grandi tavolate solo a chi è vaccinato. Poi ci sono anche i 3 milioni di over 60 che ancora non si sono vaccinati - evidenzia - Lì secondo me c'è una quota che ha difficoltà logistiche. E queste vanno risolte innanzitutto grazie al medico di famiglia oppure ricorrendo al farmacista più vicino, o in extremis ricorrendo alla struttura commissariale che so che è pronta a fare la sua parte per le situazioni più difficili». Secondo Rasi, l'ipotesi di un obbligo vaccinale per l'iniezione scudo anti-Covid si potrebbe prendere in considerazione «da settembre se non fossimo soddisfatti dei risultati raggiunti» o, prospetta, «in alternativa precluderei diverse attività a chi non si vuole vaccinare».

 

 

«Ci sono molti dubbi tra i genitori per vaccinare i figli minori. Dai test si è visto che i vaccini sono sicuri anche nella fascia dai 12 ai 16 anni e quindi non ci devono essere esitazioni anche in vista della riapertura delle scuole». Ma, conclude Rasi, «sono convinto che ci giochiamo tutto nella fascia dei 20-30 anni che è quella che ha più vita sociale e dove si trasmette di più il virus. Senza un 70-80% di adulti vaccinati - ricorda - c'è il rischio che il virus continui a circolare con l'incognita dell'arrivo di nuove varianti che possono sempre minare l'efficacia dei vaccini».

Ultimo aggiornamento: 9 Giugno, 17:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA