Coronavirus, dottoressa romana multata di 533 euro: aveva appena fatto ripartire l'auto con i i cavi

Sanzione di 533 euro per una giovane dottoressa impegnata nel reparto di Malattie infettive
Sanzione di 533 euro per una giovane dottoressa impegnata nel reparto di Malattie infettive
di Stefania Piras
3 Minuti di Lettura
Martedì 14 Aprile 2020, 12:06 - Ultimo aggiornamento: 22:55

Coronavirus Aiutata dalla Guardia di Finanza a rimettere in moto un'auto con la batteria scarica e multata 150 metri dopo dalla Polizia. É successo a un medico della Capitale che ha voluto rendere pubblico l'accaduto scrivendo alla sindaca Virginia Raggi. La sanzione è di 533 euro.

Giorni infernali, turni infiniti e situazioni al limite. Cosa fa una dottoressa di Malattie Infettive quando riesce ad avere un giorno libero?  Può tentare di rimediare i cavi per rianimare la sua automobile che non si accende più, per esempio. E così ha fatto Anna D'Angelillo, giovane medico in formazione specialistica presso il reparto di malattie infettive del Policlinico Gemelli 
«quotidianamente impegnata nell'assistenza ai pazienti affetti da Covid-19», sottolinea la dottoressa nella lettera alla sindaca.

«Accortami che la macchina non partiva ho pensato di approfittare di un giorno non lavorativo per recuperare dei cavi da un mio collega e far ripartire la macchina. Sono stata aiutata dalla guardia di finanza per mettere in moto l'auto - racconta D'Agelillo - per poi essere multata 150 metri dopo dalla polizia nonostante abbia cercato più volte di chiarire la situazione». In questi giorni infatti capita di incappare in un posto di blocco delle forze dell'ordine che controllano autocertificazioni e relativi spostamenti. Agenti e militari fanno anche multe. Chi viene pizzicato fuori senza un valido motivo becca la sanzione. Non è chiaro se il medico avesse con sè l'autocertificazione oppure no. Fatto sta che alcuni esponenti delle forze dell'ordine probabilmente non gliela hanno chiesta e l'hanno aiutata a rimettere in funzione l'automobile, che magari serve al medico per recarsi anche al lavoro, e altre forze dell'ordine che hanno notato semplicemente una persona alla guida l'hanno fermata e multata; senza avere prove reali che fosse una situazione di difficoltà per la dottoressa hanno deciso di sanzionarla. 

Coronavirus, gruppi Telegram per evitare i posti di blocco: così gli italiani a Pasqua hanno eluso i controlli

Molto sconfortata la dottoressa fa poi capire che farà ricorso perché non ritiene di meritare la sanzione. E scrive con amarezza:
«Questi 533 euro li scaleró dalla mia busta paga, già ridicola di fronte agli straordinari, ai rischi e e ai sacrifici di questi mesi». 

Chissà se le risponderà Virginia Raggi e come andrà a finire. D'Angelillo scrive che «andrà tutto bene» e che percorrerà le vie legali. «Per me era importante sapere di non essere sola, e vi ringrazio tutti, ma adesso la mia battaglia proseguirà per opportune vie legali e confido che la giustizia, nonostante i suoi giustizieri, faccia il suo corso. Andrà tutto bene», scrive. 

Coronavirus, tentano la gita al mare per Pasqua: 200 multe ai "furbetti" del litorale

© RIPRODUZIONE RISERVATA