Covid Italia, bollettino 27 agosto: 1.411 nuovi casi, 5 morti. Record tamponi. Contagi in ogni regione: in testa Lombardia, E.Romagna e Lazio

Giovedì 27 Agosto 2020
Covid Italia, bollettino oggi 27 agosto: 1.411 nuovi casi, 5 morti. Record tamponi. Nessuna regione a zero contagi

La situazione Coronavirus in Italia in base al bollettino del 27 agosto 2020. I nuovi contagi registrati nelle ultime 24 ore sono 1.411 (contro i 1.367 di ieri). Si tratta del nuovo dato più alto dagli inizi di maggio. Nessuna regione si trova a zero contagi. Sono 5 i morti, in calo rispetto ai 13 di ieri. I tamponi sono stati 94.024, ancora più del livello massimo di ieri, secondo i dati del ministero della Salute.

CLICCA QUI per scaricare il bollettino in Pdf


 

Covid Italia, nuovo record di tamponi. Attualmente positivi cresciuti di 1.179 unità in 24 ore

I casi totali ammontano a 263.949, le vittime complessive a 35.463. Le persone attualmente positive sono ora 21.932, con un incremento di 1.179 in 24 ore. I guariti sono 206.554, 225 in più. I ricoverati con sintomi sono 76 in più (1.131), quelli in terapia intensiva diminuiscono di 2 unità (sono 67), aumentano invece di 1.105 i pazienti in isolamento domiciliare (20.734 il totale).
 

Le Regioni con più contagi

In testa per positivi trovati torna la Lombardia con 286, seguita dall'Emilia Romagna con 171 e dal Lazio con 152. A 132 il Veneto, a 130 la Campania. Se ne segnalano 99 in Toscana, in Sardegna nell'ultima giornata i nuovi casi sono stati 57.

LEGGI ANCHE Covid, Gimbe: nuovi casi al raddoppio (+92%) nell'ultima settimana, ma crescono i test


Lazio

«Oggi nel Lazio si registrano 152 casi e un decesso». Così l'assessore regionale alla Sanità Alessio D'Amato. «Di questi - spiega l'assessore - 102 sono a Roma e si conferma una prevalenza dei casi di rientro (circa 2/3) e in particolar modo con link dalla Sardegna (46%)». «È record dei test eseguiti oltre 13 mila tra tamponi e test rapidi», ha detto l'assessore regionale alla Sanità Alessio D'Amato, nel bollettino di oggi. «Il grande lavoro di testing e di tracciamento che si sta facendo in questi giorni sarà fondamentale per una ripresa in sicurezza - aggiunge - . Quello che amareggia i nostri operatori, che torno a ringraziare, è che molto poteva essere evitato attraverso comportamenti responsabili e controlli».

LEGGI ANCHE Covid, Johnny Micalusi positivo: il ristoratore dei vip grave in ospedale
 

 
 

Marche

Impennata di contagi rilevati nelle Marche nelle ultime 24ore: sono 61, il numero più alto dal lontano 23 aprile quando ne vennero riscontrati ben 76. Lo comunica il Gores: i casi di positività sono emersi in particolare dai 1.034 tamponi nel percorso nuove diagnosi (2.169 il totale di test che ne comprendono 1.135 del percorso guariti). La metà dei nuovi casi in provincia di Fermo (30); seguono le province di Pesaro Urbino (17), Macerata (7), Ascoli Picno (3) e Ancona (1), oltre ad a tre casi provenienti da fuori regione.

I contagi, riferisce il Gores, sono «riferiti a rientri dall'estero e da altre regioni italiane, da contatti domestici, screening operatori sanitari e sintomatici». I contagi in provincia di Fermo (30 su 153 tamponi) emergono da indagini epidemiologiche ancora in corso: in prevalenza sono casi di rientro da altre regioni o dall'estero. I Dipartimenti di prevenzione sono impegnati in un accurato lavoro di tracciamento per individuare tempestivamente i cittadini che hanno contratto il virus fuori regione.
 

Lombardia

Con 17.964, tamponi eseguiti, è di 286 il numero di nuovi casi positivi al Coronavirus in Lombardia, di cui 39 'debolmente positivì e 4 a seguito di test sierologico. Si tratta quindi dell'1,6% del totale esaminato. I ricoverati in terapia intensiva sono scesi a 14 (-3) mentre sono aumentati i pazienti negli altri reparti, in tutti 173 (15 in più). Non si è comunque registrato nessun decesso e dunque il totale complessivo: rimane di 16.857 morti.

«L'aumento di 15 persone ricoverate nei reparti dei nostri ospedali - ha spiegato l'assessore al Welfare Giulio Gallera - non riguarda casi di polmonite, malattie respiratorie o infettive. Si tratta di pazienti transitati dal pronto soccorso per altri motivi, risultati positivi anche al tampone che viene effettuato direttamente ad ogni ricovero». «Per il quarto giorno consecutivo registriamo zero decessi» ha ricordato aggiungendo che dei «casi positivi di oggi, il 60% è riferito a rientri in Lombardia dall'estero».

Sono 136 i nuovi contagiati nella città metropolitana di Milano, di cui 73 a Milano città, e sono quindi quasi la metà dei 289 nuovi positivi riscontrati oggi in Lombardia. È il secondo giorno consecutivo che nel capoluogo lombardo si supera quota 100 (ieri erano 102), mentre solo due giorni fa erano 37. Nelle altre province lombarde, ci sono 20 nuovi casi a Bergamo, 31 a Brescia, 14 a Pavia, 11 a Como e meno di 10 nelle altre città.
 

Emilia Romagna

Dall'inizio dell'epidemia da Coronavirus, in Emilia- Romagna si sono registrati 31.385 casi di positività, 171 in più rispetto a ieri, di cui 95 asintomatici individuati nell'ambito delle attività di contact tracing e screening regionali. Lo fa sapere la Regione. Anche oggi, in Emilia- Romagna, si registra un numero di tamponi superiore a 10.300. Non si registrano decessi. Dei 171 nuovi casi, 82 erano già in isolamento al momento dell'esecuzione del tampone e 87 sono stati individuati nell'ambito di focolai già noti. Sono 24 i nuovi contagi collegati a rientri dall'estero, per i quali la Regione ha previsto due tamponi naso-faringei durante l'isolamento fiduciario se in arrivo da Paesi extra Schengen e un tampone se di rientro da Grecia, Spagna, Croazia e Malta. Il numero di casi di rientro da altre regioni è pari a 23. L'età media dei nuovi positivi di oggi è 35 anni. Su 95 nuovi asintomatici, 26 sono stati individuati attraverso gli screening e i test introdotti dalla Regione, 66 grazie all'attività di contact tracing mentre un caso è emerso dai test pre-ricovero e di 2 non è ancora nota l'origine. Per quanto riguarda la situazione sul territorio, le province che presentano il maggior numero di casi sono a Ravenna (33), Bologna (23)e Rimini (17), oltre a Forlì (20) e Cesena (17).
 

Sardegna

Salgono a 1.967 i casi di positività al Covid-19 complessivamente accertati in Sardegna: nell'ultimo aggiornamento dell'Unità di crisi regionale si registrano 57 nuovi casi, 38 dei quali nel nord dell'isola. Resta invariato il numero delle vittime, 134. In totale sono stati eseguiti 130.052 tamponi, con un incremento di 1.629 test rispetto all'ultimo aggiornamento. Sono invece 24 (+4 rispetto all'aggiornamento di ieri) i pazienti ricoverati in ospedale a cui si aggiungono due (+1) in terapia intensiva. Le persone in isolamento domiciliare sono 542. Il dato progressivo dei casi positivi comprende 1.262 pazienti guariti, più altri 3 guariti clinicamente. Sul territorio, dei 1.967 casi positivi complessivamente accertati, 349 (+6) sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 202 (+3) nel Sud Sardegna, 64 (+2) a Oristano, 120 (+6) a Nuoro, 1.232 (+38) in provincia di Sassari.
 

Campania

Sono 130 i nuovi casi di coronavirus emersi nelle ultime 24 ore in Campania dall'analisi di 3.631 tamponi. Dei 130 nuovi casi, 59 sono relativi a rientri in regione (44 dalla Sardegna e 15 da Paesi esteri). Sono 6.241 i positivi registrati in Campania dall'inizio dell'emergenza, mentre sono 396.896 i tamponi complessivamente analizzati. L'Unità di crisi comunica che si registrano 2 nuovi decessi legati al coronavirus in Campania: il totale dei deceduti dall'inizio dell'emergenza sale così a 445. Non si registrano nuovi guariti, con il totale che resta quindi 4.373 (di cui 4.368 completamente guariti e 5 clinicamente guariti).

LEGGI ANCHE Covid in Campania, focolaio a Eboli: 24 positivi in un'azienda agricola
 

 
 

Piemonte


Sono 88 i nuovi contagi da Coranavirus registrati oggi dall'unità di crisi della Regione Piemonte. Di questi, 55 sono asintomatici, 34 importati. Il numero dei guariti cresce di 22, stabile quello dei ricoverati in terapia intensiva, 6, mentre calano i pazienti negli altri reparti, oggi 78 (-5 rispetto rispetto a ieri). Non ci sono stati decessi. Le persone in isolamento domiciliare sono 1197 I tamponi diagnostici finora processati sono 574.815 di cui 319.239 risultati negativi.
 

Abruzzo

Sono 3705 i casi positivi in Abruzzo dall'inizio dell'emergenza, 18 nuovi in più da ieri di età compresa tra i 4 e i 79 anni Resta fermo a 472 il numero dei pazienti deceduti. Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 2852 dimessi/guariti (+3 rispetto a ieri, di cui 13 che da sintomatici con manifestazioni cliniche associate al Covid 19, sono diventati asintomatici e 2839 che hanno cioè risolto i sintomi dell'infezione e sono risultati negativi in due test consecutivi). Gli attualmente positivi in Abruzzo sono 381 (+15 rispetto a ieri). Dall'inizio dell'emergenza Coronavirus, sono stati eseguiti complessivamente 151723 test: 37 pazienti (+3 rispetto a ieri) sono ricoverati, 1 (invariato rispetto a ieri) in terapia intensiva, mentre gli altri 343 (+12 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl. Del totale dei casi positivi, 377 sono residenti o domiciliati in provincia dell'Aquila (+11 rispetto a ieri), 904 in provincia di Chieti (+2), 1682 in provincia di Pescara (+2), 706 in provincia di Teramo (+2), 31 fuori regione e 5 (+1) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza. Lo comunica l'Assessorato regionale alla Sanità.
 

Toscana

In Toscana sono 11.513 i casi di positività al Coronavirus, 99 in più rispetto a ieri, 13 identificati in corso di tracciamento e 86 da attività di screening. I nuovi casi sono lo 0,9% in più rispetto al totale del giorno precedente. L'età media dei 99 casi odierni è di 38 anni circa (il 33% ha meno di 26 anni, il 24% tra 26 e 40 anni, il 34% tra 41 e 65 anni, il 9% ha più di 65 anni) e, per quanto riguarda gli stati clinici, il 76% è risultato asintomatico, il 15% pauci-sintomatico.

Delle 99 positività, 25 casi sono ricollegabili a rientri dall'estero, di cui 11 per motivi di vacanza (6 Spagna, 4 Croazia, 1 Grecia). 10 casi sono ricollegabili a rientri da altre regioni italiane (6 Sardegna, 4 altro). Un caso riferibile a cittadino residente fuori regione la cui positività è stata notificata in Toscana. Il 46% della casistica è un contatto collegato a un precedente caso. I guariti crescono dello 0,2% e raggiungono quota 9.100 (79% dei casi totali). I tamponi eseguiti hanno raggiunto quota 515.879, 6.154 in più rispetto a ieri. Gli attualmente positivi sono oggi 1.273, +6,9% rispetto a ieri. Oggi non si registrano nuovi decessi. Questi i dati, accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste della Protezione Civile Nazionale, relativi all'andamento dell'epidemia in regione.

Si ricorda che a partire dal 24 giugno 2020, il Ministero della Salute ha modificato il sistema di rilevazione dei dati sulla diffusione del Covid-19. I casi positivi non sono più indicati secondo la provincia di notifica, bensì in base alla provincia di residenza o domicilio. Di seguito i casi di positività sul territorio con la variazione rispetto a ieri. Sono 3.596 i casi complessivi ad oggi a Firenze (22 in più rispetto a ieri), 608 a Prato (4 in più), 806 a Pistoia (4 in più), 1.178 a Massa (17 in più), 1.504 a Lucca (6 in più), 1.031 a Pisa (11 in più), 545 a Livorno (10 in più), 779 ad Arezzo (5 in più), 494 a Siena (8 in più), 461 a Grosseto (11 in più). Sono 511 i casi positivi notificati in Toscana, ma residenti in altre regioni (1 in più). Sono 30 quindi i casi riscontrati oggi nell'Asl Centro, 44 nella Nord Ovest, 24 nella Sud est.
 

Umbria

Dieci guariti dal Covid in un giorno, 1.412 totali, sono stati registrati in Umbria che, come ieri, ha fatto registrare altri 20 casi positivi, 1.719 in tutto. Quindi un altro giorno di crescita in doppia cifra. Secondo i dati della Regione gli attualmente positivi passano quindi da 217 a 227. C'è poi un ricoverato in più per il coronavirus, a Perugia, 13 totali, uno dei quali in intensiva. Sempre 80 le vittime. Nelle ultime 24 ore sono stati eseguiti 1.466 tamponi, 147.895 dall'inizio della pandemia.

 

Puglia

In Puglia oggi sono stati riscontrati 47 nuovi casi di Covid19 su un totale di 3161 tamponi effettuati in un giorno: in gran parte si tratta di contatti stretti di persone positive, quindi già in isolamento fiduciario, e di rientri dalle vacanze. Il dato, in percentuale, risulta in linea con quello di ieri (51 nuovi casi su 3510 tamponi) e dell'altro ieri (49 nuovi casi di contagio su un totale di 3272 tamponi) e più basso rispetto a tre giorni fa (46 casi su 1068 tamponi). Una persona è deceduta in provincia di Bari.

I contagi registrati oggi sono principalmente nelle provincia di Bari (27), quindi Foggia (10), Brindisi (4), Lecce e Taranto (2), Barletta Andria Trani (1), fuori regione (1). Dall'inizio dell'emergenza i decessi sono 556, con tasso di letalità del 10,7%. In tutto effettuati 294.426 test. Sono 637 (+40) i casi attualmente positivi, 4024 (+6) in tutto i pazienti guariti. Sono 100 (+2) i ricoverati, gli altri in isolamento domiciliare.

LEGGI ANCHE Covid, Emiliano: «In Puglia siamo nella seconda ondata, ci sarà consistente aumento dei contagi»

In provincia di Bari, dove i casi sono stati 27, secondo quanto riferito dal direttore generale della Asl Antonio Sanguedolce «11 sono contatti stretti di casi già individuati e monitorati e 10 afferiscono all'attività di triage eseguita nelle aree dedicate dei presidi ospedalieri della Asl, su cui sono in corso indagini per individuare l'origine del contagio ed eventuali fattori di rischio. Gli altri 6 casi positivi fanno riferimento a rientri da Sardegna, Croazia, Spagna e Grecia».

In provincia di Foggia i casi sono 3 cittadini stranieri presenti sul territorio provinciale, 3 contatti di casi già individuati e tracciati dal servizio di igiene aziendale, una persona di rientro dalla Spagna e 3 persone individuate durante le attività di screening. Gli altri positivi: nella provincia Bat un rientro dalla Corsica; in provincia di Brindisi tre contatti di un caso già accertato e un albanese rientrato in Puglia; in provincia di Lecce due persone residenti fuori regione; in provincia di Taranto due contatti stretti di un caso già individuato. 
 

 

 

Friuli Venezia Giulia

Oggi sono stati rilevati 25 nuovi contagi da coronavirus in Friuli Venezia Giulia. Dall'inizio dell'epidemia le persone risultate positive al virus in regione sono 3.709; gli attualmente positivi sono 342 (12 più di ieri). Nessun paziente risulta in cura in terapia intensiva, mentre 13 sono ricoverati in altri reparti. Non si sono registrati nuovi decessi (348 in totale). Lo ha comunicato il vicegovernatore del Fvg con delega alla Salute, Riccardo Riccardi. Dall'inizio dell'emergenza sono stati riscontrati 1.466 casi a Trieste, 1.167 a Udine, 814 a Pordenone e 254 a Gorizia, ai quali si aggiungono 8 persone da fuori regione. I totalmente guariti ammontano a 3.019, i clinicamente guariti sono 7 e le persone in isolamento 322. I deceduti sono 197 a Trieste, 77 a Udine, 68 a Pordenone e 6 a Gorizia.
 

Alto Adige

I laboratori dell'Azienda sanitaria altoatesina nelle ultime 24 ore hanno effettuato 898 tamponi e sono stati registrati 9 nuovi casi positivi in Alto Adige. I pazienti Covid-19 ricoverati nei normali reparti ospedalieri sono 7, quelli in isolamento nella struttura di Colle Isarco sono invece 14. Una persona si trova in terapia intensiva. Le persone in isolamento domiciliare sono 1.593 (delle quali 231 di ritorno da Croazia, Grecia, Spagna o Malta).
 

Liguria

37 nuovi casi di positività al Covid in Liguria a fronte di 2.213 tamponi eseguiti in più, 26 ospedalizzati, ma nessun paziente in terapia intensiva, e nessun decesso registrato. Sono questi i dati flusso Alisa-Ministero resi noti da Regione Liguria. Sette dei nuovi casi positivi sono persone rientrate dall'estero o da altre regioni, uno interno a una rsa, 14 sono contatti di casi già conosciuti e il resto sono stati censiti con l'attività di screening. Quindici sono i pazienti in isolamento domiciliare, 1.610 in sorveglianza attiva.
 

Calabria

«In Calabria ad oggi sono stati effettuati 148.438 tamponi. Le persone risultate positive al Coronavirus sono 1.422 (+6 rispetto a ieri), quelle negative sono 147.016». Lo si legge nel bollettino della Regione Calabria, che poi prosegue: «Territorialmente, i casi positivi sono così distribuiti: Catanzaro: 4 in reparto; 7 in isolamento domiciliare; 186 guariti; 33 deceduti. Cosenza: 3 in reparto; 29 in isolamento domiciliare; 446 guariti; 34 deceduti. Reggio Calabria: 2 in reparto; 60 in isolamento domiciliare; 281 guariti; 19 deceduti. Crotone: 1 in reparto; 6 in isolamento domiciliare; 116 guariti; 6 deceduti. Vibo Valentia: 4 in isolamento domiciliare; 82 guariti; 5 deceduti. Altra Regione o Stato Estero: 98». Il totale dei casi di Catanzaro, si legge ancora, «comprende soggetti provenienti da altre strutture e province che nel tempo sono stati dimessi. Nei ricoveri segnalati presso l'Ospedale di Catanzaro, 3 sono nel reparto di Malattie Infettive; due provengono dalla provincia di Vibo Valentia, di cui una è ricoverata in malattie infettive, successivamente al parto cesareo; uno proviene da fuori regione, mentre un altro è stato trasferito al reparto di rianimazione dell'AOU. Dei due casi di Cosenza uno è riconducibile al focolaio sardo. (segue)

Ultimo aggiornamento: 28 Agosto, 14:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA