Coronavirus, positivi in calo per la prima volta. I morti sono 454 in più, guariti 1.822 da ieri. Richeldi: «È una tregua, battaglia non è vinta»

Lunedì 20 Aprile 2020

È inferiore rispetto a quello di ieri il numero degli attualmente positivi al coronavirus in Italia: i contagi oggi sono 108.237, 20 in meno di ieri secondo il bollettino odierno della Protezione Civile. I decessi si collocano sotto la soglia di 500, con 454 vittime da ieri, mentre i guariti sono 1.822 in più per un totale di 48.877. I casi totali dall'inizio della pandemia sono invece 181.228. 

Coronavirus diretta: Usa, altri 2.000 morti in 24 ore. Croazia, primo giorno senza vittime
Coronavirus, rendere la app Immuni obbligatoria «di fatto»: il piano della task force del governo

«Per la prima volta un dato ulteriormente positivo, diminuisce il numero delle persone attualmente positive, in calo di 20 unità - spiega il capo della Protezione civile Angelo Borrelli - Sono 2.537 le terapie intensive, 62 in meno, il numero più basso da un mese a questa parte. Quanto ai guariti, arrivati a 48.877, quasi il 90 per cento si sono registrati nell'ultimo mese dallo scorso 20 marzo». 

​​Coronavirus Italia, mappa delle regioni: Umbria, Basilicata e Valle d'Aosta a contagio zero

«Su 6 parametri solo uno, i deceduti, non va nella direzione voluta - spiega Luca Richeldi del Comitato tecnico scientifico - ma gli epidemiologi ci dicono che sarà l'ultimo a calare; ha varie spiegazioni epidemiologiche, ma deve far riflettere su quanto successo e succede, la battaglia certo non è vinta, è un periodo di relativa tregua nella diffusione del virus, non è momento di abbassare la guardia». 

«La app serve sarà assai utile per consentire di conoscere chi è positivo - ha spiegato Borrelli - Da oggi abbiamo anche il dato che riguarda quante persone hanno effettuato il tampone che sono 943.151. Il numero di tamponi sta crescendo sempre più, quindi combinando la app, i tamponi e le misure di individuazione dei soggetti positivi e dei possibili contagi pensiamo si possa mettere in atto un'azione di contrasto ancora più efficace rispetto a quello che è stato fatto finora».


 

Ultimo aggiornamento: 21 Aprile, 13:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA