Il cane domestico lo lecca, il padrone contrae una grave infezione: braccia e gambe amputate

Lunedì 30 Settembre 2019 di Alessia Strinati

Il suo cane domestico lo lecca e il padrone perde i suoi arti. Greg Manteufel, 49 anni, del Wisconsin, negli Stati Uniti, è quasi morto dopo aver contratto la capnocytophaga, un batterio che si trova comunemente nella saliva di cani e gatti. Il più delle volte è innocuo per l'uomo a meno che non abbiano un sistema immunitario indebolito.

Leggi anche > Il cane domestico le lecca il braccio, qualche giorno dopo i medici amputano mani e piedi

L'uomo, che era però perfettamente in salute, ha iniziato a stare male la scorsa estate: aveva febbre, vomito, diarrea e ha pensato potesse trattarsi di una banale influenza. I familiari preoccupati li hanno portato in ospedale dove dalle analisi è emerso che aveva una brutta infezione, probabilmente causata dal suo amato cane e che il batterio poteva aver compromesso alcune parti del corpo.

I medici hanno deciso di amputare parti delle sue braccia e gambe, così come la pelle del naso e parte del labbro superiore, nel tentativo disperato di salvargli la vita. Fortunatamene Greg è riuscito a sopravvivere ma oggi la sua vita è molto cambiata: costretto ad usare delle protesi, deve fare molta fisioterapia e dovrà sottoporsi ad altri interventi. Sebbene la sua esistenza sia sconvolta l'uomo non ha voluto fare a meno del suo cane, ha scelto di farlo restare con sé, sostenendo che non ha alcuna colpa.

Pur essendo sanissimo, infatti, Greg ha contratto l'infezione a causa di una sua rara anomalia genetica. Il suo organismo ha una particolare sensibilità a quel batterio, cosa di cui l'uomo non era assolutamente a conoscenza.

Ultimo aggiornamento: 1 Ottobre, 10:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA