Cade in un pozzo di 10 metri alle porte di Roma e muore a 31 anni. Il corpo recuperato dai vigili del fuoco

Enrico Saulle, un operaio romano di 31 anni, è caduto in un pozzo di 10 metri ed è morto. Tragedia ieri pomeriggio a San Cesareo, alle porte di Roma, in un appezzamento di terreno in via della Pidocchiosa: il 31enne, sposato e padre di due bimbi piccoli, è stato trovato privo di vita all'interno di un pozzo profondo dieci metri, con sul fondo due metri d'acqua. L'allarme era stato lanciato dalla famiglia non vedendolo tornare a casa per pranzo e nel pomeriggio, così sul posto si sono recati i carabinieri della locale stazione, i vigili del fuoco di Palestrina e i colleghi specialisti del nucleo soccorso alpino fluviale di Roma.

Rapper 19enne muore cadendo in un parcheggio. «Stava facendo parkour»

Incidente a Civita Castellana: morti due ventenni, ferito gravemente un altro giovane
 
 

Dopo una ricerca accurata nelle campagne circostanti si è deciso intorno alle 19 di esplorare il pozzo sulla collinetta del terreno, dove è stato rinvenuto il cadavere del 31enne, originario del casertano, ma da tempo residente nella zona. Il corpo è stato trasportato in serata presso l'istituto di medicina legale di Tor Vergata per l'autopsia disposta dalla procura di Tivoli.

Continuano le indagini per capire cosa sia realmente accaduto. Sembra da una prima ricostruzione che l'uomo stesse facendo dei lavori di manutenzione ad un terreno e al pozzo romano quando è precipitato, ma le cause sono ancora tutte da accertare.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Domenica 12 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento: 20:17
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti