A Bose ormai è peggio della guerra dei Roses, l'ex priore Enzo Bianchi non se ne va e disubbidisce

Giovedì 18 Febbraio 2021 di Franca Giansoldati
A Bose ormai è peggio della guerra dei Roses, l'ex priore Enzo Bianchi non se ne va e disubbidisce

Città del Vaticano – Non c'è pace sotto gli ulivi di Bose. Ormai è peggio della guerra dei Roses. L'ex priore della comunità ecumenica, fratel Enzo Bianchi ha risposto con una alzata di spalle all'aut-aut tassativo ricevuto dal Vaticano il mese scorso di trasferirsi in fretta e furia, al massimo entro il 16 febbraio, in località Cellole di San Gimignano, in Toscana. Un luogo lontano centinaia di chilometri dalla comunità di Bose che lui...

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati
Ultimo aggiornamento: 19 Febbraio, 03:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA