Bollette, stop mercato tutelato luce per condomini: cosa è, come cambia e da quando

Da gennaio stop come per le microimprese. I consumatori chiedono di prorogarlo

Bollette, stop mercato tutelato luce per condomini: cosa è, come cambia e da quando
Bollette, stop mercato tutelato luce per condomini: cosa è, come cambia e da quando
4 Minuti di Lettura
Giovedì 3 Novembre 2022, 10:09

Arriva un nuovo allarme su fronte del caro bollette: anche i condomini dovranno dire addio al mercato di maggior tutela della luce da gennaio 2023, come accadrà per le microimprese con potenza impegnata fino a 15 kw; per le famiglie, invece, il mercato tutelato per l'elettricità scade il 10 gennaio 2024.

L'Arera non prevede infatti una specifica per i condomini ma solo la distinzione tra 'clienti domesticì e clienti 'in bassa tensione o altri usì. La scadenza in vista per i condomini si aggiunge a quella, sempre a gennaio, del servizio di tutela del gas naturale per famiglie e microimprese e l'Authority, rilevando forti criticità di fronte a un mercato caratterizzato «da forti tensioni e variabilità dei prezzi dell'energia» ha segnalato da tempo a Governo e Parlamento la necessità di far slittare questa scadenza.

 

I CONSUMATORI

Sollecitazione fatta anche da associazioni di consumatori che hanno chiesto almeno di allineare la scadenza del mercato tutelato del gas a quella della luce. «I condomìni sono considerati, inspiegabilmente, microimprese - denuncia Marco Vignola, responsabile del settore energia dell'Unione Nazionale Consumatori - Una disparità di trattamento illegittima, assurda e inspiegabile tra chi abita in una villa e chi abita in una palazzina, che chiediamo di correggere immediatamente sia al Governo sia ad Arera, insieme al rinvio della fine tutela del gas». I servizi di tutela, cioè con prezzo e condizioni contrattuali definiti dall'Autorità per l'energia, sono rivolti a famiglie e microimprese che non abbiano ancora scelto un venditore nel mercato libero, hanno scadenze stabilite e l'Autorità è delegata ad adottare disposizioni per assicurare il progressivo passaggio dal mercato tutelato a quello libero con un «servizio a tutele graduali» (Stg).

I CONTRATTI

Per la fornitura di energia elettrica delle piccole imprese e delle microimprese con potenza impegnata superiore a 15 kW, la tutela di prezzo è invece già terminata il primo gennaio 2021. L'Autorità ha definito la regolazione delle condizioni economiche e contrattuali di erogazione del Stg per le microimprese e le modalità di assegnazione attraverso gare per consentire l'attivazione del Servizio entro il primo gennaio 2023. Termine che però non potrà essere rispettato, ha spiegato l'Arera, per cause di forza maggiore, dovute a un attacco hacker che ha reso indisponibili i sistemi informatici di Acquirente unico, soggetto responsabile delle procedure concorsuali per l'assegnazione del Stg. L'Autorità ha quindi segnalato, nell'ambito di questa «critica congiuntura», la necessità di differire la data di rimozione della tutela di prezzo per l'energia elettrica per le microimprese al primo luglio 2023.

COS'È IL MERCATO TUTELATO

Il servizio di maggior tutela è il regime tariffario stabilito dall’Arera: le condizioni economiche e contrattuali sono stabilite proprio dall’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente, che aggiorna i prezzi delle materie prime ogni tre mesi in base alle oscillazioni sul mercato. Le principali differenze con il libero mercato sono due: chi definisce i prezzi e le offerte, e le diverse tipologie di utenti possono accedervi. Nel mercato libero sono le singole compagnie private a stabilire i prezzi. E per questo abbondano promozioni temporanee e pacchetti che comprendono vari servizi. Nel mercato tutelato la scelta per il consumatore si riduce ad una tariffa monoraria o bioraria. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA