Bollette gas, stop ai rincari: a novembre il prezzo scenderà. Perché, cosa cambia

Bollette gas, stop ai rincari: a novembre il prezzo scenderà. Perché, cosa cambia
4 Minuti di Lettura
Lunedì 17 Ottobre 2022, 16:36 - Ultimo aggiornamento: 16:38

Buone notizie per le famiglie italiane: a novembre i prezzi delle bollette del gas scenderanno. I prezzi delle bollette del gas sono ancora molto alti, se confrontati con gli stessi di qualche mese fa. Eppure nelle prossime settimane dopo i rincari pesantissimi si potrebbero vedere anche dei ribassi in bolletta. Una mini boccata d'ossigeno per milioni di famiglie e imprese. Il motivo è presto spiegato: Arera, l’autorità di regolazione del mercato dell’energia, a inizio novembre per la prima volta rivedrà in calo i parametri di calcolo per le bollette del gas (ma non per l’energia elettrica). E per questo motivo le tariffe scenderanno. Almeno per i clienti del mercato tutelato, cioè quei circa 7 milioni di italiani che hanno accesso al gas alle condizioni economiche e contrattuali fissate da Arera.

Dalla fatturazione al parametro: cosa cambia

Da ottobre infatti la fatturazione delle bollette del gas anziché essere trimestrale, sarà mensile. Evitando così quindi le maxi stangate: gli italiani potranno dividere quegli importi in più tranche in modo da poter gestire meglio i propri risparmi. L'impatto però non sarà sull'importo per i consumi effettuati, che invece potrebbe derivare dal nuovo metodo di calcolo per il prezzo del gas deciso da Arera. 

Infatti le bollette sul mercato tutelato hanno sempre fatto riferimento al prezzo del metano sul mercato di Amsterdam. Ora però il parametro è l'indice italiano, il Psv, meno esposto a speculazioni e quindi meno soggetto a grandi variazioni. Secondo Arera questa scelta consentirà di trasferire ai clienti con velocità i benefici di «eventuali iniziative europee di contenimento dei prezzi delle commodity energetiche».

Quando caleranno i prezzi delle bollette? 

La data sul possibile momento in cui vedremo le bollette calare ancora non c'è. Molto dipenderà dalle prossime due settimane ma comunque nell'ultimo mese e mezzo il prezzo spot sul Ttf di Amsterdam sui mercati europei è sceso. Dai picchi di 370 euro di agosto si è passati a meno di 130 euro al megawattora della giornata di oggi (minimi da giugno). Tra l'altro è lo stesso Ttf a essere nel mirino degli interventi Ue perché da tempo è ritenuto un indice non in grado di riflettere le condizioni reali del mercato. La bozza di proposta della Commissione Ue è quella di definire entro fine anno un nuovo benchmarck per le negoziazioni con i fornitori. La maggiore stabilità dei prezzi verrà intanto perseguita dall'Ue attraverso un «corridoio dinamico» temporaneo. Il prezzo sul Psv invece, è sceso dai 315 euro di fine agosto a meno di 80 euro oggi. 

Perché il prezzo delle bollette scende? 

Detto della nuova fatturazione mensile anziché trimestrale e del nuovo parametro made in Italy, un'altra novità per il mercato tutelato è la decisione di Arera per cui le tariffe verranno aggiornate ‘ex post’ e non più ‘ex ante’. Quindi, qualora durante il mese di ottobre il prezzo medio del gas dovesse continuare a scendere – o comunque mantenersi su cifre più basse che negli scorsi mesi – le novità si vedrebbero comunque non prima di novembre. Tra le cause del calo del prezzo del gas c'è sicuramente il fatto che quasi tutti i principali Paesi europei hanno completato gli stoccaggi e quindi non sono più nella fase di disperata ricerca di gas a qualsiasi prezzo. In più vanno avanti le discussioni su un eventuale tetto al prezzo del gas, con i fautori che sostengono che il confronto stia contribuendo a frenare gli effetti speculativi sul Ttf. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA