Centinaia di baby squali trovati decapitati e senza pinne: mistero in spiaggia

Monday 16 December 2019 di Remo Sabatini
Centinaia di baby squali trovati senza pinne nè testa sulla spiaggia. (immagini pubblicate da Proudly Standfontein su Fb)

Mutilati della coda, pinne e testa. Ammassati uno sull'altro, come fossero immondizia. Così sono stati trovati centinaia di baby squali lungo una spiaggia nella zona di Standfontein, località sudafricana non distante da Città del Capo. Il rinvenimento, avvenuto poche ore fa, ha destato scalpore. Tanto che, le drammatiche immagini diffuse da Proudly Standfontein su Facebook, in un attimo hanno fatto il giro del mondo, riproponendo la questione legata alla salvaguardia di questi predatori. Sul posto, le autorità locali che hanno constatato come tutti gli esemplari, fossero già stati privati di pinne e testa.

Lo squalo bianco resta incastrato alla gabbia dei turisti e muore dopo 25 minuti di agonia VIDEO


Pratica, quella dello spinnamento, che sta portando gli squali a scomparire da tutti i mari e gli oceani del pianeta. In merito ai responsabili, per ora non si possono formulare che ipotesi anche se appare chiaro che, stando alle prime indiscrezioni raccolte, quello del coinvolgimento di una o più barche da pesca dedite alla caccia agli squali più o meno autorizzata, sembra essere la più plausibile. Le pinne di questi animali infatti, nonostante le campagne internazionali di informazione, continuano ad essere molto ricercate ed apprezzate sui mercati orientali dove vengono acquistate a peso d'oro. Ingrediente principale della celeberrima zuppa, rappresentano, insieme alla pesca industriale, la causa principale di morte di squali di tutte le specie. Ogni anno, al mondo, non meno di 90 milioni di squali sono uccisi dall'uomo. Cifre incredibili che si traducono in oltre 240mila esemplari al giorno, quasi 11mila per ogni ora. Numeri che la natura non è in grado di sostenere nè rimpiazzare. Numeri che stanno significando la scomparsa di un predatore fondamentale per la vita stessa degli oceani che, non dovremmo mai dimenticarlo, è anche la nostra. 

Ultimo aggiornamento: 21:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA