Pinguini decapitati sulle spiagge australiane: le ipotesi dei ricercatori per risolvere il mistero

Gli scienziati stanno esaminando i corpi per scoprire cosa sta causando le morti dei pinguini trovati senza testa sulle spiagge nel sud dell'Australia

Pinguini decapitati sulle spiagge australiane: le ipotesi dei ricercatori per risolvere il mistero
2 Minuti di Lettura
Giovedì 28 Aprile 2022, 22:20

Dozzine di pinguini decapitati sulle spiagge della penisola di Fleurieu, nell'Australia meridionale. E’ l’allarme lanciato da Stephen Hedges volontario presso la Flinders University che sta raccogliendo gli animali morti, 20 solo ad aprile, per cercare di capire cosa gli sia accaduto. Tra le ipotesi che Hedges propone quella delle eliche dei pescherecci che navigano in gran numero nella zona. «Normalmente ne troviamo uno o due al mese sulle spiagge, ma già ad aprile ne ho raccolti una ventina: talvolta tre in un solo giorno» ha detto all’Advisor specificanto che «si tratta di un taglio netto. Il che al momento non basta agli scienziati per determinare la causa della morte».

Leggi anche > Mette in vendita villa sul mare con piscina e idomassaggio: ex marito incluso nell'offerta

Hedges sospetta anche di un altro fattore: il turismo. «A Pasqua il numero di turisti nella zona aumenta. Molti passeggiano lungo le spiagge con i loro cani» ha spiegato. L’ipotesi è quindi che i pinguini possano essere stati attaccati anche per gioco dai cani. Ma le teorie non finiscono qui. Le decapitazioni, riporta il Mirror, potrebbero essere causate da onde, correnti e condizioni climatiche. Improbabile però vista la quantità di pinguini coinvolti. Ci vorranno due o tre settimane prima che i ricercatori siano in grado di trovare una causa definitiva.

© RIPRODUZIONE RISERVATA