Pesticidi e sostanze chimiche in aumento sulla frutta estiva: ecco i dati preoccupanti

Secondo quanto emerso dal recente report del Pesticide Action Network (PAN), pesche, albicocche, more e ciliegie sono le più colpite

Pesticidi e sostanze chimiche in aumento sulla frutta estiva: ecco i dati preoccupanti
2 Minuti di Lettura
Giovedì 30 Giugno 2022, 12:05

Pesticidi e sostanze chimiche in aumento sulla frutta estiva. Secondo quanto emerso dal recente report del Pesticide Action Network (PAN), pesche, albicocche, more e ciliegie conterrebbero un gran numero di pesticidi al loro interno che vengono, inevitabilmente, assorbiti da chi mangia tali prodotti. Il report si è concentrato su tutti quei pesticidi che inconsapevolmente portiamo sulla nostra tavola e che sono così nocivi da poter essere collegati a patologie gravi come il diabete, le malattie cardiovascolari e i tumori.

Leggi anche > Italia Paese sempre più vecchio. L’anti-age inizia da quello che mangiamo

L’impiego di pesticidi non è mai diminuito come sarebbe previsto da normativa europea ma, al contrario, è addirittura aumentato. Dopo le analisi sui campioni di frutta è emerso che quella estiva sarebbe la più contaminata: l primo posto ci sono le more (51%), seguite dalle pesche (45%)e dalle fragole (38%); a pari merito poi seguono le ciliegie e le albicocche con una percentuale del 35 per cento. Tali sostanze dovrebbero, in teoria, essere eliminate dall'Europa nel corso degli anni, ma le cose sembrano andare diversamente.

L'utilizzo di improbabili e nocivi cocktail chimici sulla frutta non è ancora valutato dalle autorità, come sarebbe richiesto dalla legge, nonostante gli esperti da anni lancino allarmi a riguardo. La frutta e la verdura sono alimenti basilari per la salute dell'organisimo umano e privarsene non è una soluzione. Lavaggi accurati ed eliminazione delle bucce non risolvono il problema visto che tali pesticidi spesso permeano nella polpa. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA