Milano: Bomaki, l'uramakeria al confine tra Giappone e Brasile apre il sesto locale in città

Mercoledì 19 Febbraio 2020 di Claudio Burdi
Ha inaugurato solo da qualche giorno pronta a conquistare anche i frequentatori di zona Porta Venezia, la sesta vetrina in città della nota uramakeria nippo-brasiliana Bomaki. Il format vincente non cambia e, dopo Sempione, Sanzio, La Foppa, Porta Romana e CityLife (oltre alla location sui Murazzi di Torino), il nuovo ristorante della catena ha aperto i battenti di fronte alla storica palazzina della biblioteca all’angolo di via Melzo, omaggiando nel suo look lo stile Liberty che caratterizza la zona. 65 coperti interni e 30 esterni riscaldati dove deliziarsi delle tante gustose ricette di chef Jeric Bautista.

A partire da specialità come il sashimi exotic con la sua salsa di gazpacho al mango, il tataki di salmone scottato con salsa yuzu miso e perlage di tartufo, il carpaccio flambè (salmone, tonno e branzino scottato in salsa ponzu), gli originali burritos in stile jap (crêpes di soia che avvolgono riso e ingredienti come lo spicy salmon o la picanha), i salgadinhos (antipasti brasiliani senza uova e lattosio) di pollo e di manzo, i tacos, le innovative tartare e chirashi.

E poi tantissimi uramaki, da quello all’astice gratinato, il Friends of the sea con orata di Orbetello, pomodoro secco e capperi, il tonno e pistacchio, il Cheetos salmone con tartare di salmone e cheetos sbriciolati. Immancabili i dolci brasiliani della pastry chef Vera De Moraes e i cocktail esotici in accompagnamento.

Bomaki - Milano Porta Venezia, via Melzo 28 - tel. 02/36.74.67.70 - chef Jeric Bautista - sempre aperto. Costo medio: 25 euro
© RIPRODUZIONE RISERVATA