Vaticano, il tesoro nascosto a Celano: «Due milioni di euro» in una scatola di cartone

Mercoledì 18 Novembre 2020 di Manlio Biancone e Rosalba Emiliozzi
Vaticano, il tesoro nascosto a Celano: «Due milioni di euro» in una scatola di cartone

CELANO (L'AQUILA) - Soldi, mucchi di soldi, stipati in una scatola delle scarpe, e in una vecchia cesta. Poi chili di monete e di medaglioni antichi di grande valore, c'è chi azzarda a dire addirittura di due milioni di euro. Un vero e proprio tesoro, trovato a Celano, cittadina di diecimila abitanti in provincia dell'Aquila, dove c'è la villa immensa di Fabrizio Tirabassi, l'ex funzionario della Segreteria di Stato vaticana, indagato per l'immobile di Londra e gli investimenti spericolati dell'Obolo di San Pietro. E dove abita, in un'altra casa, il papà di Fabrizio, Onofrio, 90 anni, anche lui ex dipendente del Vaticano, ma con altri ruoli, «faceva lavori umili» dicono in paese, prima di aprire un negozio di numismatica a Borgo Santo Spirito, a due passi da San Pietro. «La sua fortuna», dicono sempre in paese.

 

Scoperto a Celano il tesoro nascosto che fa tremare il Vaticano

 

 

Inchiesta

 


E su questa fortuna si stanno concentrando in queste ore le indagini della Guardia di Finanza di Roma e della Gendarmeria che l'altro ieri hanno fatto un blitz in piena notte in Abruzzo: perquisita la villa in borgo Sardellino di Fabrizio Tirabassi, la casa dell'anziano padre, sempre a Celano, mentre in contemporanea veniva rivoltata da capo a fondo anche la residenza romana.

Tirabassi figlio, di origine abruzzese, risiede a Roma e a Celano si vede per lo più d'estate o durante le feste. Nella sua casa romana sono stati trovati e sequestrati 200 mila euro in contanti, altri 400 mila euro sono stati scovati a Celano nascosti, appunto, in una scatola di scarpe e in alcune ceste. Banconote riposte in modo ordinato, mazzette da 50 euro una sopra l'altra. Ma ciò che ha sbalordito è il tesoro in monete e medaglioni, cimeli da collezione, in oro e argento.


Cassaforte

 

I pezzi più preziosi sono stati trovati nella casa romana di Fabrizio Tirabassi, ben protetti in una cassaforte. Il resto era negli armadi, in un magazzino vicino alla casa del padre Onofrio. Il valore ammonta veramente a due milioni di euro, come tutti dicono in paese? La valutazione, come la provenienza, sono oggetto di accertamenti. Finanza e Gendarmeria hanno messo le mani sul forziere di famiglia: ci sono medaglie e monete commemorative di importanti eventi papali o del Regno di Napoli, dal Cinquecento in poi. Alcuni medaglioni sono stati coniati per determinati anniversari dei Papi, sono in oro ed hanno un alto valore numismatico, altri si riferiscono ad eventi legati ai pontificati. Oltre che in oro, sono in argento e in bronzo. Chili di monete. Al momento non è ancora stato possibile contarle. Sono solo state pesate. Erano talmente tante da riempire diversi armadi.

Ora si sta cercando di arrivare alla provenienza. Le monete e i medaglioni trovati nella casa di Celano di Onofrio Tirabassi sembrerebbero di minore valore rispetto a quelle rinvenute nell'appartamento romano del figlio Fabrizio, 55 anni, al centro della inchiesta vaticana partita da Sloan Avenue e poi proseguita in altri filoni. Tirabassi è sospettato di aver favorito gli affari del finanziere Gianluigi Torzi nell'acquisto del palazzo di Londra. L'ex funzionario (licenziato dal Papa nel maggio scorso) nel corso della perquisizione, avrebbe detto: «I soldi contanti? Solo normali risparmi».

 

Dubbi

 

Quanto al tesoro in monete d'oro e medaglie antiche, avrebbe rimandato tutto all'attività svolta dal padre collezionista, spiegando che appartengono a lui. «Il padre dell'ex economo aveva un negozio di numismatica in Borgo Santo Spirito, vicino al Vaticano - racconta Gianvincenzo Sforza, di Celano, anche lui collezionista - era un esperto a cui si rivolgevano tutti. Le monete sono presumibilmente dell'anziano padre anche perché il suo locale era un punto di riferimento dei collezionisti. Ricordo poi che decise di far coniare 500 monete dei Santi Martiri di Celano che regalò alla Confraternita. Io ne ho tre copie ben conservate». Nel corso della perquisizione gli investigatori hanno sequestrato anche il pc di Fabrizio Tirabassi.

 

Zona rossa: regioni Puglia, Liguria e Basilicata verso la stretta

ROMA "Al momento non c'è una crescita dell'epidemia, ma forse una leggera diminuzione". Così ieri, Gianni Rezza, direttore generale della Prevenzione del Ministero della Salute, analizzando la situazione italiana nella consueta conferenza stampa di aggiornamento ha acceso una prima flebile luce in fondo al tunnel.


 

 

 

Ultimo aggiornamento: 10:57 © RIPRODUZIONE RISERVATA