Miss Italia diffida il concorso ospitato dalla tenuta di Al Bano

BRINDISI - Il cantante, estraneo all'iniziativa, sono all'estero (ANSA) - ROMA, 28 AGO - «Indebita appropriazione del marchio Miss Italia» con «manifesto illecito concorrenziale» secondo quanto previsto dal codice civile: con formale diffida legale, Miss Italia chiede lo stop immediato della «finalissima di Futura Miss Italia», in programma domani in Puglia a Cellino San Marco nella location Casa Carrisi di Al Bano. Il cantante si dice estraneo all'organizzazione dell'evento: «Sono a Maiorca. Ho saputo che sui manifesti c'è anche la mia foto, usata impropriamente, e ho fatto le mie rimostranze. Non so altro», spiega. Oliver Verbeelen, manager consultant di Casa Carrisi, aggiunge: «La serata, al momento, risulta riconfermata, nella nostra sala ricevimenti a bordo piscina. La Ac production, che gestisce l'immagine e gli impegni professionali di Al Bano Carrisi, non è stata interpellata». Sulle locandine che pubblicizzano l'evento «Finalissima Futura Miss Italia, XI concorso nazionale», sotto la scritta «premio alla carriera» appaiono, sui social, le foto di Katia Ricciarelli e Michele Placido, con quella di Al Bano al centro.

Il legale Enzo Larocca, «in nome e per conto della 'Miss Italia srl', titolare esclusiva del logo marchio registrato Miss Italia e di ogni altro marchio, logo, segno e diritto relativo alla manifestazione spettacolo “Concorso Nazionale Miss Italia”, nonché della Miren Srlus, concessionaria esclusiva per l'organizzazione e gestione di detto Concorso, del quale è in corso di svolgimento la 79esima edizione, rileva che sulla locandina dell'evento la denominazione del concorso figura suddivisa su due righe in colonna, la prima recante il termine “Futura” e la seconda la locuzione “Miss Italia” stampata in caratteri di corpo pressoché doppio rispetto a “Futura”, così da presentarsi di primaria e più immediata percezione da parte del lettore» e da ingenerare, quindi, confusione. Di qui le ragioni della formale diffida a cessare in via immediata qualsiasi utilizzo, in qualsivoglia sede, del marchio e nome “Miss Italia” e a ritirare dalla circolazione qualsiasi materiale pubblicitario o informativo contenente detto nome. Con preavviso che, conclude il legale del concorso di Patrizia Mirigliani, in difetto di immediata ottemperanza, le assistite «dovranno senz'altro attivarsi in ogni sede giudiziale competente».

Leggi l'articolo completo su Quotidianodipuglia.it
Outbrain